Legge anticorruzione e trasparenza, a Villa Umbra proseguono le attività formative

“La trasparenza dell’azione amministrativa”: è stato questo l’argomento del corso che, organizzato dalla Scuola umbra di amministrazione pubblica, si è svolto a Villa Umbra nell’ambito delle attività formative sul tema dell’anticorruzione e trasparenza e al quale hanno partecipato un centinaio di responsabili del settore.
La trasparenza, ha sottolineato Anna Corrado, consigliere del Tar Campania e relatrice della giornata, è allo stato la misura più efficace per la prevenzione della corruzione e più facilmente applicabile. Le amministrazioni pubbliche, ha detto, hanno maggiore consapevolezza, dopo un momento iniziale di scetticismo e di difficoltà, delle potenzialità di questa misura di prevenzione.

Allo stesso modo i dipendenti pubblici sono più interessati e maggiormente disponibili a farsi carico della corretta applicazione della disciplina in tema di trasparenza perché comprendono che questa misura può portare a un cambiamento vero.

Determinante in questa direzione, ha rilevato, è il ruolo dell’Anac, l’Autorità nazionale Anticorruzione, non solo con l’esplicazione del suo potere sanzionatorio, ma soprattutto nell’assicurare più chiarezza negli adempimenti e nell’attuazione della disciplina. La trasparenza, ha concluso Anna Corrado, è un valore da assicurare ai cittadini che può condurre a un recupero della fiducia nei rapporti tra cittadini e amministrazioni.

L’amministratore unico della Scuola, Alberto Naticchioni, ha sottolineato come in Italia l’incidenza della corruzione comporti costi ed inefficienza della Pubblica Amministrazione e la trasparenza sia uno degli strumenti fondamentali per combatterla. Inoltre, ha ricordato, la mancata pubblicazione dei compensi dei componenti di indirizzo politico di Enti Pubblici, enti di diritto privato e controllo pubblico, nonché società di diritto privato, come stabilito dal d.lgs 33/2013 sulla nuova disciplina in tema di trasparenza, dà luogo ad una sanzione pecuniaria da 500 a 10000 euro a carico del responsabile della violazione.

La stessa sanzione si applica agli amministratori di società che non comunicano ai soci pubblici il proprio incarico ed il relativo compenso entro 30 giorni dal conferimento.

Su questo tema è stato programmato, per il 16 aprile a Villa Umbra, un ulteriore corso formativo dal titolo “L’efficacia dei piani anticorruzione e trasparenza negli enti locali pubblici”. Alla giornata formativa parteciperanno il Consigliere di Stato Michele Corradino, componente del Consiglio dell’Autorità nazionale Anticorruzione; il Procuratore Capo dell’Aquila, Fausto Cardella, e altri magistrati amministrativi e contabili.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*