Le strade del vino e dell’olio a Berlino

<p>di <b>Danilo Nardoni</b> (Uff stampa (UJ.com) BERLINO - L’intento è quello di legare l’aspetto turistico dell’Umbria soprattutto all’olio e al vino con la regione che aprirà così le porte ad un determinato tipo di turista-visitatore straniero proponendo, grazie ad appositi pacchetti turistici, dei <b>soggiorni</b> all’insegna del gusto, dell’enogastromonia, del benessere, di itinerari religiosi o da percorrere in bicicletta, della cultura, della natura e di paesaggi unici, passando non solo per località conosciute, ma anche per i percorsi più segreti e nascosti sparsi in tutto il territorio regionale.</p>
<p>Tenendo ben presente questo obiettivo, la Regione Umbria insieme alle Strade del Vino e dell’Olio dell’Umbria - progetto che unisce grazie ad un Coordinamento le quattro Strade del Vino (Strada dei Vini del Cantico, Strada dei Vini Etrusco Romana, Strada del Sagrantino e Strada dei Vini Colli del Trasimeno) con la Strada dell’Olio Extravergine d’Oliva Dop Umbria – hanno <b>messo</b> in piedi di recente a Berlino, presso l’Enoteca Wine Bar Sagrantino, una serie di iniziative di promozione delle eccellenze e del territorio umbro dedicate a vari temi per “inquadrare” l’Umbria nella sua interezza. Le Strade del Vino e dell’Olio dell’Umbria, in forte sinergia con la Regione Umbria, continuano in questo modo a voler rappresentare l’unicità dell’intero</p>
<p>territorio regionale con un’azione congiunta che si sta sempre più dimostrando vincente per la promozione integrata dell’Umbria a 360 gradi e soprattutto dei suoi prodotti d’eccellenza, i vini Doc e Docg e l’Olio Dop. Quindi, al centro della trasferta berlinese c’è stata, naturalmente, la <b>promozione</b> dell’aspetto enogastronomico, con particolare riguardo al vino e all’olio. Ma non solo. Ad operatori del settore, tour operator e agenzie di viaggio di Berlino oltre che a giornalisti e opinion leader arrivati a Berlino da tutta la Germania sono stati presentati una serie di nuovi prodotti turistici che legano suggestivi itinerari in bicicletta ed in generale un</p>
<p>turismo del benessere ai percorsi del Vino e dell’Olio, unendo in un ideale abbraccio gli amanti del buon vivere e del buon mangiare. Oltre ad un rappresentante della Regione Umbria erano presenti per il <b>Coordinamento</b> regionale delle Strade del Vino e della Strada dell’Olio rispettivamente Alessandro Casciola e Daniela Tabarrini. Durante gli incontri sono stati presentati: - gli “Itinerari religiosi” promossi dalla Regione (La Via di Roma, l’Itinerario Benedettino); - il progetto “Umbria in bicicletta”, con le Strade che hanno potuto promuovere oltre ai loro prodotti anche i percorsi che passano attraverso i rispettivi territori di appartenenza: un</p>
<p>turismo che può così in maniera unica esplorare quel reticolo di vie fiancheggiate da lunghi filari di viti e omaggiate da ulivi maestosi, che attraversano in lungo e largo l’Umbria; - l’ “Umbria del <b>benessere</b>”, ovvero tutta quell’importante e vasta offerta che naturalmente coinvolge anche prodotti come olio e vino e più in generale la cucina regionale. Per arricchire l’offerta sono stati infine proposti pacchetti turistici con visite a cantine e frantoi e soggiorni nelle strutture ricettive dell’Umbria, oltre che le varie proposte turistiche legate ai territori dell’Umbria.</p>
<p>STRADE DEL VINO E DELL’OLIO DELL’UMBRIA Con l’obiettivo di lanciare un’offerta turistica completa e <b>differenziata</b>, che rappresenti al meglio la ricchezza dell’intero territorio dell’Umbria, le quattro Strade del Vino (Strada dei Vini del Cantico, Strada dei Vini Etrusco Romana, Strada del Sagrantino e Strada dei Vini Colli del Trasimeno) e la Strada dell’Olio Extravergine d’Oliva Dop Umbria si sono unite in un progetto regionale di promozione integrata del territorio.</p>
<p>Per rappresentare appieno l’unicità dell’intero territorio regionale si sono quindi incontrate ed intrecciate tra loro la Strada dell’Olio con quelle del Vino, queste ultime denominate secondo le <b>diverse</b> zone di produzione. Il nuovo progetto di comunicazione che unifica l’immagine e le attività di promozione e di diffusione dei principali prodotti della terra umbra - i vini Doc e Docg e l’Olio Dop Umbria – sta proseguendo attraverso la realizzazione di molte iniziative (tanto interesse ha suscitato uno degli ultimi progetti, quello sugli itinerari giotteschi legati alle strade del vino e dell’olio) e grazie a collaborazioni importanti come quelle con il Movimento del Turismo del Vino (“Cantine Aperte”), con “Vini nel Mondo” di Spoleto e con il Gambero Rosso per le selezioni umbre della “Guida ai Vini d’Italia”.</p>
<p>In questa lunga e articolata strada del gusto - le quattro Strade del Vino e la Strada dell’Olio DOP Umbria – sono innumerevoli, insieme alle eccellenze vino e olio, le risorse che attraggono il visitatore: splendidi paesaggi, capolavori dell’arte, prelibatezze enogastronomiche e tradizioni <b>folcloristiche</b> e artigianali esaltano la vocazione artistica e rurale dell’Umbria, dal lago Trasimeno con la sua cornice di splendidi borghi, ai vigneti del Sagrantino, dalle tracce archeologiche romane di Amelia, al fascino medievale di Bevagna e alla maestosità della rupe di Orvieto, passando per le colline olivate di Trevi e Spello e una costellazione di borghi minori.</p>
<p>Pertanto per il popolo degli eno-olioturisti c’è la possibilità di fare un'esperienza di grande interesse culturale e valore umano, approfittando delle tante proposte turistiche offerte dalle Strade del Vino e <b>dell’Olio</b> dell’Umbria: 99 cantine, 57 frantoi, 67 agriturismi, 55 ristoranti e, inoltre, country house, B&amp;B, ville di charme, tutti garantiti dal Coordinamento Regionale delle Strade. Insomma, mille combinazioni per tutti i gusti e per tutte le esigenze, nel nome di una gradevole villeggiatura o di una breve sosta dedicate al gusto e al relax in ogni mese dell’anno, complici i profumi, i colori e i sapori dell’Umbria. Per informazioni sulle Strade del Vino e dell’Olio dell’Umbria: www.stradevinoeolio.umbria.it</p>

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*