La Comunità Montana della Valnerina realizza un nuovo sagrato

Sono quasi ultimati i lavori che la Comunità Montana della Valnerina sta effettuando a Trivio di Monteleone di Spoleto. Nella vivace frazione di montagna che si snoda lungo la strada a più di 900 metri di altitudine sulla valle del fiume Corno, spicca la chiesa di Sant’Erasmo, protettore del paese. L’attenzione della Comunità Montana si è concentrata proprio intorno all’edificio sacro dove si è provveduto  a sistemare il piazzale antistante con una pavimentazione ad acciottolato, a regimare le acque piovane e a erigere un muro in pietra per contenere i movimenti del terreno.<br />“ Stiamo cercando di rivolgere la nostra attenzione a tutto il territorio – afferma la presidente della Comunità Montana Agnese Benedetti- supportando i comuni, le associazioni di volontariato, i privati cittadini,  cercando di intervenire nella valorizzazione e nel recupero delle realtà minori, dei paesini che conservano vitalità e una diffusa rete di  beni ambientali e culturali ”<br />La chiesa di Sant’Erasmo è un edificio a croce greca del sedicesimo secolo, fondato  –come attestano alcuni studi- sulle rovine di un tempio dedicato alla dea Madre Cupra. Tutta l’area, infatti, fu abitata fin dall’età del bronzo come testimoniano i reperti rinvenuti e il Trivio si trovava su un nodo viario dove si incrociavano la strada per Leonessa e quella che attraversava il santuario di Villa San Silvestro giungendo a Cascia e a Norcia.<br />La chiesa di Sant’Erasmo all’interno  presenta alcuni affreschi di epoca cinquecentesca, mentre fuori dal portale si trovava un interessante rilievo su pietra di epoca romana che, insieme ad altri blocchi di calcare posti nelle vicinanze della chiesa,  faceva riferimento  a un probabile monumento funerario di epoca repubblicana. <br />Il paese, dalla tipica forma a ferro di cavallo, è popolato da nuclei familiari di giovani che si dedicano alla produzione di prodotti gastronomici di qualità, come farro, salumi, formaggi e miele. Le varie iniziative sono animate da un’attiva Pro Loco.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*