JU-JITSU - LA NAZIONALE ITALIANA JUNIORES PREMIATA CON IL "GRIFO D'ORO"

<p>(UJ.com) PERUGIA - La nazionale Italia juniores di Ju JITSU è stata ricevuta in Provincia per un saluto e un riconoscimento ufficiale in vista della sua imminente partecipazione al Mondiale di Atene che prenderà il via dal 27 al 30 novembre. Oltre ai nazionali (uomini e donne), il vice-presidente della Provincia di Perugia Aviano Rossi e l’assessore provinciale allo sport <b>Roberto Bertini</b> hanno ricevuto anche il dirigente per la juniores, Massimo Bistocchi, (umbro doc) e il presidente della federazione  Ju JITSU, Dario Quenza. L’occasione dell’incontro ufficiale in provincia è stata possibile grazie al fatto che la nazionale si sta allenando a Perugia prima di recarsi alla competizione ufficiale di Atene. “La Provincia di Perugia – ha spiegato il vice-presidente Aviano Rossi – è onorata di accogliere così tanti giovani che attraverso le arti marziali rappresentano il nostro Paese ed hanno trovato il loro momento di crescita umana. Noi, come Provincia, abbiamo aperto un nuovo corso che è quello di conoscere e incentivare tutte quelle attività sane che possono dare un contributo alla formazione dei nostri giovani”. L’assessore allo sport Roberto Bertini ha premiato i giovani della nazionale Ju JITSU con una medaglia dell’ente con tanto di “grifo d’oro”. “Spero che questo riconoscimento – ha spiegato l’assessore – possa essere di auspicio per il mondiale. Come assessore allo Sport colgo l’occasione di questa manifestazione per ribadire che per noi non esistono sport di serie A e di serie B. Non abbiamo questa mentalità. Anzi siamo convinti che federazioni come quella del Ju JITSU possono essere una risorsa per la nostra Provincia che sta puntando ad allestire sempre di più eventi nazionali e internazionali in grado di far conoscere l’Umbria e la capacità ricettiva e sportiva della stessa”. Massimo Bistocchi, rappresentante storico di questo sport, ha spiegato che “la nazionale juniores ha scelto Perugia e le sue strutture per portare avanti la più delicata fase della preparazione al mondiale: ovvero la rifinitura tecnica e fisica prima degli incontri ufficiali”. Ed ha aggiunto inoltre: “Ci aspettano tre giorni di fare ad altissimo livello. Siamo convinti di dire la nostra anche perché il Ju JITSU è una disciplina che si sta sempre di più radicando in tutto il territorio nazionale. La nostra nazionale è formata da Umbri ma anche da tanti rappresentanti delle diverse aere del Paese”.</p>

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*