Hagakure Perugia Karate, un grande Gionnoni Samuele!

Dopo la giornata memorabile di sabato nel kata che ha visto l’Hagakure Perugia Karate dominare la gata di Kata (forma) ieri altre medaglie per la società sportiva guidata dal maestro Rossano Rubicondi.

1 oro, 4 argenti e 4 bronzi nella prova di kumite (combattimento).

Nelle categorie agonistiche ci sono 3 argenti che fanno ben sperare per il futuro di Hagakure nella specialità Kumite.

Un grande Gionnoni Samuele!
Dopo aver vinto la gara di Kata di sabato ed aver acquisito la matematica certezza di rappresentare l’Italia ai prossimi Campionati del Mondo in programma in Slovenia a Novembre, ieri a sorpresa ha compiuto una mezza impresa nel kumite.
Mezza impresa perchè dopo aver vinto gli incontri eliminatori e la semifinale per 4-2 ribaltando lo 0-2 iniziale nella finale dopo che i 2 minuti erano terminati sul 2-2, nel minuto supplementare ormai ci si avviava al giudizio arbitrale Samuele più per distrazione sua che per merito dell’avversario subiva il punto del 2-3 con il cronometro che segnava 0:00.
Si tratta di un risultato importante anche perchè Giannoni è l’unico atleta della competizione tra tutti gli agonisti cinture marroni-nere che ha fatto medaglia sia nel kata che nel kumite.

Sugameli Francesco vince 2-1 e 1-0 gli incontri eliminatori e di misura perde la finale per 1-0, si tratta per lui della prima medaglia in una competizione a carattere nazionale tra le cinture marroni-nere.

Su tutti la prova di Marco Nulli che con il secondo posto di ieri balza in testa alla classifica “azzurrabili” tra i Veterani rendendo sempre più concreta la possibilità di vestire la tuta della nazionale ai prossimi campionati Europei di fine maggio in Portogallo.

Tra i più piccoli da sottolineare la suggestiva finale per il primo e secondo posto fra le gemelle
Pergolesi Asia e Aurora vinta dalla prima per un soffio in una finale molto equilibrata.
Buone le prove per Cavalletti Francesco, Girolamini Tommaso e Rufini Alessio che si aggiudicano un meritato bronzo al termine di gare molto combattute.
Lucarelli Tommaso e Rufini Samuele non raggiungono il podio, ma hanno disputato un’ottima gara.

Da sottolineare che questi 7 piccoli samurai si sono cimentati sia nella gara di kata che di kumite mettendo in pratica la filosofia della società sportiva che vuole sempre di più atleti completi che sappiano gareggiare sia nella prova di kata che di kumite!

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*