Gubbio fa harakiri: da 1-0 a 1-2 con la Carrarese. Marchionni illude, poi bis Cellini e Teso

Il Perugia esce sconfitto da Chiavari e resta a tre punti in cinque partite

(gubbiofans.it)
Gubbio contro la Carrarese di sabato alle ore 17. Il tecnico Acori schiera il consueto 4-1-4-1 con il rientro di Regolanti come centravanti. L’allenatore degli apuani Remondina invece opta per il modulo 4-3-1-2. Pronti e via. Al 6′ ospiti in rete con Galli con un tiro sottoporta, ma l’arbitro ferma tutto per un fallo di confusione. Al 13′ Mancosu da destra lancia in porta Regolanti che una volta entrato in area calcia di destro con il portiere in uscita, ma la palla sorvola sopra la traversa. Al 14′ Regolanti libera sulla sinistra Marchionni che entra in area e tira in bocca al portiere (sfera in corner). Al 16′ Gherardi crossa in area una palla, gli ospiti reclamano per un fallo di braccio di Luciani, l’arbitro fa proseguire. Al 24′ punizione insidiosa in area di Gnahorè, Lasicki per anticipare un avversario sfiora l’autogol: palla che sibila vicino al palo e finisce in corner.

Al 34′ missile di destro dal limite di Loviso, ma il tiro è centrale e Calderoni si salva in corner. Al 35′ protesta il Gubbio per un calcio di rigore, ma l’arbitro non è dello stesso avviso e Regolanti viene ammonito per simulazione. Ripresa. Al 48′ Casiraghi serve Regolanti che mette la palla in rete, ma l’arbitro ferma tutto per fuorigioco. Al 60′ Loviso pennella una punizione in area, Mancosu incorna di testa ma è centrale, para senza problemi Calderoni. Al 61′ Gubbio in vantaggio con un eurogol di Marchionni che fa tutto da solo: parte da sinistra, salta gli avversari come birilli, entra in area e da posizione quasi impossibile calibra il sinistro in diagonale: la sfera si insacca a fil di palo alla sinistra del portiere. Al 71′ ci prova dal limite Beltrame, la palla esce di poco fuori.

Al 74′ si ripete Galli sempre dal limite, palla a lato. Al 78′ Cellini mette in rete in mischia dopo un corner, ma l’arbitro annulla per offside. All’ 88′ calcio di rigore per la Carrarese per un presunto fallo in area con le mani di D’Anna su tiro di Di Nardo: Cellini è molto freddo dagli undici metri e insacca la sfera sotto la traversa. Ma la doccia gelata è dietro l’angolo (94′): dal corner di Beltrame, Teso incorna di testa e schiacca la sfera nell’angolino. Una vittoria che diventa un ko: il Gubbio fa harakiri!

Tabellino: Gubbio – Carrarese (1-2):
Gubbio (4-1-4-1): Iannarilli; Luciani, Manganelli, Lasicki, D’Anna; Loviso; Mancosu, Guerri, Casiraghi (66′ Castelletto), Marchionni (80′ Rosato); Regolanti (74′ Cais). (A disp.: Citti, Caldore, Esposito, Tutino). All. Acori.
Carrarese (4-3-1-2): Calderoni; Sbraga, Teso, Massoni, Lancini; Gnahorè (66′ Beltrame), Castagnetti, Galli (83′ Battistini); Gherardi (77′ Di Nardo); Merini, Cellini. (A disp.: Zanotti, Maccabruni, Neri, Brondi). All. Remondina.
Reti: 61′ Marchionni (G), 88′ Cellini (C) rigore, 94′ Teso (C).
Arbitro: De Angeli di Abbiategrasso (D’Alberto di Teramo e Di Monte di Chieti). Ammoniti: Luciani, Regolanti, Casiraghi, Marchionni e Mancosu (G); Sbraga e Lancini (C). Spettatori: 1028 (di cui 721 abbonati); 8 di Carrara nel settore ospiti.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*