Giappone, i Solisti suonano con l'Imperatrice

(UJ.com) GIAPPONE<!–webbot bot="Timestamp" S-Type="EDITED" S-Format="%d/%m/%Y" startspan –><!–webbot bot="Timestamp" endspan i-checksum="12634" –> - Prosegue con successo la tournée giapponese de “i Solisti di Perugia”, impegnati fino a fine mese al festival di Kusatsu, tra le più importanti kermesse mondiali di musica classica. Momento più atteso della ventinovesima edizione della manifestazione nipponica sarà anche quest'anno – ed è notizia dell'ultim'ora – l'annunciato concerto che vedrà l'orchestra perugina accompagnare al pianoforte l'imperatrice Michiko, venerdì 29 agosto. Attesissima ospite della serata dedicata a “i Solisti”, che il 21 agosto si sono esibiti in un recital di musica italiana del 18° secolo impreziosito dall'esecuzione – in prima mondiale – dell'opera “La Follia” del compositore perugino Carlo Pedini, Michiko ha infatti subito manifestato la volontà di bissare la straordinaria esperienza dell'anno scorso, quando si esibì accompagnata dalle prime parti de “i Solisti di Perugia”. Colpita dallo stile e dall'elegante qualità dell'ensemble cameristico umbro, Michiko ha deciso quest'anno di suonare insieme a tutta l'orchestra di 11 elementi (accompagnati da alcuni fiati dell'ensemble “Wien-Berlin”), per la serata di gala del 29 agosto alla quale parteciperà anche l'imperatore Akihito. La notizia ha mandato subito in fibrillazione gli organizzatori del festival giapponese, che già l'anno scorso accolsero secondo l'elaborato protocollo del caso l'Imperatrice, per un concerto diventato uno dei momenti più importanti nella storia della manifestazione. Ottima pianista (per diversi anni ha studiato e suonato in Europa, soprattutto a Parigi, insieme ai più grandi musicisti del continente), Michiko in questi anni è intervenuta poche volte al festival di Kusatsu, sempre però in occasione di esibizioni dell'orchestra perugina, motivo questo di particolare orgoglio per i musicisti umbri, diventati ormai ambasciatori dell'eccellenza musicale italiana in Giappone.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*