GIANMARCO TOGNAZZI SARÀ MERCOLEDÌ 9 MARZO AL TEATRO COMUNALE DI NARNI

<p>(UJ.com) NARNI - Gianmarco Tognazzi sarà mercoledì 9 marzo, alle 21, al Teatro Comunale di Narni con Die Panne, ovvero la notte più bella della mia vita. Il testo è di Friedrich Dürrenmatt ed è considerato uno dei più bei racconti del Novecento europeo, in cui lo scrittore svizzero indaga le passioni e i sentimenti umani. Riproposto oggi in teatro con l’adattamento Edoardo Erba e la sapiente regia di Armando Pugliese, assume contemporaneamente i toni cangianti del <b>leggero</b>, del comico, dell'angosciante, del tragico e coinvolge lo spettatore nello stesso modo in cui cattura il protagonista. Nel cast ci sono anche i bravissimi Nino Bignamini, Franz Cantalupo, Lydia Giordano, Lombardo Fornara. Un banale incidente, l’automobile in panne, costringe Alfredo Traps- rappresentante di tessuti- a una sosta indesiderata.</p>
<p> </p>
<p>Cercando aiuto trova ospitalità a casa di un vecchio giudice in compagnia di due amici, un pubblico ministero e un avvocato in pensione che gli spiegano, con l’intento di coinvolgerlo, il loro unico passatempo: ricelebrare alcuni <b>importanti </b>processi storici come quello a Socrate, a Gesù e a Federico di Prussia. Tra una bottiglia di vino e l'altra, Traps si ritrova imputato in un vero e proprio processo e, in un'atmosfera sempre più inquietante, il gioco si fa realtà: il protagonista parla, si confessa, la sua vita mediocre sembra acquistare improvvisamente risvolti inaspettati; si scopre che Traps ha effettivamente compiuto un delitto divenendo l’amante della giovane moglie del suo principale che, avvertito anonimamente dell’accaduto dallo stesso Traps, è morto a causa di un infarto.</p>
<p> </p>
<p>Il delitto di Traps è il frutto di una mente assolutamente innocente e inconsapevole; la sua cattiveria è originaria e, come tale, esente da sensi di colpa a meno che qualcuno non intervenga a fargli notare che ha compiuto un delitto, a fare emergere i ricordi dalla nebbia di un passato neppure così tanto remoto, come hanno fatto i suoi <b>commensali </b>che lo hanno ospitato processandolo, come fanno con tutti gli ospiti che si trovano ad avere. E così raccontando le vicende della propria vita, rivelando il mistero del suo successo economico, Traps si trova di fronte alla prova della sua colpevolezza e si autoinfligge la condanna a morte che gli era stata sanzionata per gioco. Per Dürrenmatt, quindi, siamo tutti colpevoli: il racconto ne è soltanto la dimostrazione attraverso il paradosso. Per informazioni e prenotazioni ci si può rivolgere telefonicamente, fino al giorno precedente lo spettacolo, presso il Botteghino Telefonico Regionale del Teatro Stabile dell’Umbria, tutti i giorni feriali, dal lunedì al sabato, dalle 16 alle 19, al n°075/57542222. E’ possibile acquistare i biglietti on-line sul sito del Teatro Stabile dell’Umbria www.teatrostabile.umbria.it.</p>

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*