DISTRIBUTORI DI SIGARETTE, QUATTORDICI IRREGOLARI PER DISTRIBUZIONE A MINORI

<p>(UJ.com) PERUGIA - Controlli a tappeto nel territorio dei Comuni di Perugia e Corciano da parte degli uomini del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Perugia per verificare la regolarità nell'<b>erogazione </b>dei prodotti da fumo. I finanzieri della Compagnia di Perugia hanno finora eseguito controlli presso 75 rivendite di generi di monopolio riscontrando irregolarità in 14 distributori automatici.</p>
<p> </p>
<p>In questo caso venivano erogati pacchetti di sigarette anche mediante l'utilizzo di tessere non rilasciate dalla Pubblica Amministrazione (come le tessere destinate alla raccolta punti carburanti oppure le tessere di raccolta dei punti per il supermercato) o, comunque, documenti idonei ma intestati a soggetti minori di anni 16. La legge infatti vieta ai tabaccai di vendere prodotti da fumo a persone di età <b>inferiore </b>a sedici anni per cui v'è sempre l'obbligo di verificare l'età anagrafica del cliente. Anche di notte, nelle ore di chiusura, le vendite effettuate mediante l'utilizzo di distributori automatici, devono garantire l'erogazione dei prodotti solo dopo aver verificato l'età anagrafica del consumatore, assicurata attraverso la lettura di un documento d'identità (tessera sanitaria o tesserino del codice fiscale) da inserire nel distributore automatico prima di poter selezionare il prodotto da prelevare.</p>
<p> </p>
<p>Le irregolarità riscontate sono state segnalate al competente ufficio dell'Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato di Perugia per l'irrogazione delle sanzioni nei confronti delle rivendite irregolari. Le sanzioni in <b>questi </b>casi possono anche arrivare alla disdetta del contratto d'appalto per la rivendita di tabacchi o alla revoca della gestione della rivendita quando si accertino, in un biennio, tre violazioni della stessa specie.</p>

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*