CRONACA Un arresto a Marsciano per droga e tre denunce per furto a Deruta

<p>(UJ.com) TODI – Un arresto a Marsciano per droga e tre denunce per furto a Deruta. E’ questo il bilancio dell’attività dei Carabinieri della Compagnia di Todi tesa al contrasto del commercio di sostanze <b>stupefacenti</b>, posto in essere da “pusher” ormai itineranti in tutta la provincia, ed alla lotta contro la consumazione di reati contro il patrimonio, in particolar modo in abitazioni ed esercizi commerciali. <br /><br /><b>A Marsciano</b>, l’attività di monitoraggio attuata dai Carabinieri della locale Stazione, ha consentito agli stessi di trarre in arresto in flagranza di reato, R.H., 25enne, cittadino tunisino clandestino,  resosi responsabili del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Il  medesimo, durante un servizio di osservazione posto in essere in Perugia dai militari, si avvicinava ad uno di loro tentando di vendere dello stupefacente, ma una volta che il militare si era qualificato, lo straniero tentava di darsi alla fuga venendo prontamente bloccato dagli altri militari presenti. La successiva perquisizione consentiva di recuperare circa gr.9 di hashish nonchè la somma di euro 70,00 in contanti risultata provento dell’illecita attività di spaccio. Lo stesso veniva inoltre denunciato per non aver ottemperato al decreto di espulsione emesso dal Questore di Perugia. L’ arrestato, dopo le formalità di rito, è stato associato presso le camere di sicurezza di  questa Compagnia in attesa del processo per direttissima.<br /><br /><b>A Deruta</b>, il proficuo servizio di controllo del territorio, ha consentito ai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile  di Todi e della Stazione di Massa Martana di individuare un sodalizio criminale dedito alla consumazione di furti. In particolare veniva intercettata una vettura con a bordo tre giovani cittadini marocchini, due diciottenni ed un diciassettenne, tutti regolari, i quali venivano trovati in possesso di un “piede di porco”, tre passamontagna artigianalmente fabbricati con indumenti mimetici, tre paia di guanti di lattice nonché danaro contante in monete, suddiviso in involucri per i vari tagli, di provenienza illecita. Le successive perquisizioni effettuate consentivano di rinvenire inoltre due televisori LCD ed un cassetto di un registratore di cassa, risultati provento di furto consumati nel mese di luglio 2009 in Todi presso il locale circolo del tennis, ed in Marsciano presso due esercizi commerciali. Gli stranieri, al termine dell’attività di polizia giudiziaria, sono stati denunciati alla competente A.G. per i reati di concorso in furto aggravato e di possesso ingiustificato di strumenti grimaldelli.</p>

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*