CRONACA La Finanza arresta un marocchino che spacciava

<p>(UJ.com) TERNI - E’ un giovane marocchino poco piu’ che ventenne, tale A.B., il responsabile di un’attività di spaccio di sostanza stupefacente, sgominata dalla Guardia di Finanza di Terni. I militari del Nucleo P.T. lo hanno infatti sorpreso proprio all’atto di vendere diverse dosi di cocaina, appositamente confezionate, ad alcuni giovani acquirenti ternani nei pressi del centro della città di Terni. I finanzieri, che già da tempo tenevano sotto osservazione il luogo dello spaccio, sono intervenuti prima ancora che la cessione della sostanza stupefacente potesse realizzarsi, riuscendo a bloccare il marocchino dopo che questi si era dato ad una precipitosa fuga e nel mentre che gli acquirenti, approfittando di tale circostanza, si dileguavano.</p>
<p>Il giovane nel tentativo di evitare la cattura, si disfaceva di parte della cocaina da lui posseduta, gettando lungo il percorso alcuni involucri di cellophane contenenti la sostanza stupefacente. Tale espediente, tuttavia, non fermava l’inseguimento dei militari, che recuperata tutta lo sostanza, riuscivano a bloccare e ad arrestare il giovane extracomunitario. Nel complesso venivano sequestrate al marocchino nr. 07 dosi preconfezionate, costituite da appositi involucri di plastica saldati, già pronti per la vendita e contenenti cocaina per un peso complessivo di 3 grammi circa, oltre ad una somma di 185,00 euro in contanti, frutto dell’illecita attività di spaccio.</p>
<p> A.B.,, resosi responsabile dei reati di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza veniva tratto in arresto ed associato al carcere di Sabbione a disposizione della Procura della Repubblica di Terni. L’operazione di servizio è l’ennesima eseguita da parte delle fiamme gialle di Terni nel contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti a dimostrazione della sempre costante e vigile attenzione dei militari del Corpo, quotidianamente impiegati in tale settore delicato e giustamente ritenuto increscioso dal giudizio dell’opinione pubblica .</p>

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*