CRONACA - CONTROLLO STRAORDINARIO ALLA CIRCOLAZIONE STRADALE: 150 CONTROLLI ED UNA DENUNCIA

<p>post <b>M. Zingales</b> UJcom2.0 <a target="_blank" title="Scrivi a Morena Zingales" href="mailto:morenazingales@gmail.com"><b>@</b></a> (UJ.com) CITTA' DI CASTELLO - Una denuncia a piede libero, 150 persone fermate e 70 veicoli controllati. E' questo il <b>bilancio</b> dell'intensa attività svolta ieri sera dai carabinieri da 20 carabinieri della Compagnia di Città di Castello che, coadiuvati dalle unità cinofile antidroga provenienti dal nucleo di Bastia Umbra, hanno effettuato un ampio dispositivo di controllo del territorio. Obiettivo è stato quello di contrastare il consumo di alcool e droghe da parte dei giovani che, in particolare nel corso dei fine settimana, si mettono al volante per raggiungere discoteche e locali. Venti i militari impiegati nei controlli che hanno controllato le principali strade della zona e due esercizi pubblici. <br /><br />20 i militari impiegati nei controlli, provenienti dai vari Reparti dipendenti dalla Compagnia Tifernate. I servizi di controllo alla circolazione stradale sono stati effettuati in prossimità delle principali arterie di comunicazione. Controllati anche due esercizi pubblici abitualmente frequentati da numerosi avventori.<b> 150</b> le persone identificate, 70 i veicoli controllati. Effettuate numerose ispezioni e perquisizioni a veicoli e persone. In tale ambito un ragazzo di 19 anni residente a Città di Castello è stato denunciato in stato di libertà poiché, fermato ad uno dei numerosi posti di controllo, è stato sorpreso alla guida in stato di ebbrezza alcolica, come confermato dagli accertamenti a mezzo alcoltest. L’autovettura è stata sequestrata e la patente ritirata. Il dispositivo messo in atto ieri sera verrà ripetuto nelle prossime settimane.</p>
<p><a href="http://www.umbriajournal.com/mediacenter/FE/articoli/traffico-intenso-sulle-strade-umbre-per-lesodo-est.html"><b>- TRAFFICO INTENSO SULLE STRADE UMBRE PER L'ESODO ESTICO MA NESSUN RALLENTAMENTO</b></a></p>

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*