Celebrata a Foligno la festa dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate

La festa dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate è stata celebrata  oggi a Foligno, con una cerimonia in piazza Don Minzoni,  alla presenza delle massime autorità civili e militari.<br />Di fronte al Gonfalone della città, alla bandiera dell’Esercito Italiano, al picchetto d’onore del Centro di selezione e reclutamento nazionale dell’esercito schierato per l’occasione, alle associazioni combattentistiche e d’arma, alle rappresentanze dell’Anpi, dell’Aned e delle famiglie dei caduti in guerra, la cerimonia ha visto la deposizione di una corona d’alloro al monumento dedicato alle memorie storiche della città <br />Unitamente al sindaco di Foligno, Manlio Marini, alle celebrazioni sono intervenuti, il comandante del Centro di selezione e reclutamento nazionale dell’esercito, gen. Antonio Dibello, il gen. Plinio Paoli, il colonnello dell’Aeronautica, Mario Carbonari, il comandante della compagnia dei Carabinieri, Andrea Mattei, i rappresentanti della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza, il comandante della polizia municipale, Luigi Battisti e il presidente dell’Ente Giostra Quintana, Domenico Metelli.<br />Al termine della cerimonia, corone di alloro sono state deposte corone alle lapidi dei caduti in piazza della Repubblica.<br />Nel pomeriggio, con inizio alle ore 17, nella sala video dell’Auditorium S.Domenico, il sindaco Manlio Marini e il gen. Antonio  Dibello hanno consegnato  ai sedicenni di Foligno una copia della Costituzione della Repubblica Italiana e dello Statuto della Regione Umbria, insieme alla Carta dei diritti europei e ad una bandiera italiana in stoffa. <br />Il Sindaco Manlio Marini, rivolto ai giovani, ha ribadito “il valore della giornata delle Forze armate che richiama i 90 anni dalla fine della prima guerra mondiale e di quanti sacrificarono la vita per l’Unità d’Italia; contestualmente ricordiamo i 60 anni della nostra Costituzione, che rappresenta la legge guida per ogni cittadino onesto, a partire dalle giovani generazioni”.<br />Il gen. Antonio Dibello ha ringraziato il sindaco e l’Amministrazione comunale per il valore che la città di Foligno ha inteso dare  alla giornata delle Forze Armate e dell’Unità Nazionale ed ha ricordato come “in questo momento sono 8 mila i militari impegnati nelle missioni di pace all’estero, cui vanno aggiunti i 3 mila soldati impegnati nel controllo del territorio nazionale per la lotta alla criminalità; se da una parte questo fatto ci preoccupa, dall’altro, ci inorgoglisce il contributo che ci viene richiesto”.<br />I sedicenni, che per qualsiasi ragione non hanno potuto essere presenti alla cerimonia, potranno ritirare le due pubblicazioni e la bandiera italiana allo sportello del cittadino, in piazza della Repubblica, a partire da giovedì 6 novembre 2008.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*