Castiglione del Lago, tenta di rapinare e violentare 94enne, arrestato marocchino

Carabiniere aggredito davanti scuole a Foligno

Nel pomeriggio di ieri, i militari del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Città della Pieve ed il personale della Stazione Carabinieri di Paciano, in seguito ad una chiamata al 112, sono intervenuti in località Vaiano di Castiglione del Lago, dove uno straniero aveva tentato di rapinare e di abusare di un’anziana signora.

Appena giunti sul posto, i Carabinieri, accertatisi di quanto accaduto, si sono immediatamente messi alla ricerca del responsabile, che hanno trovato poco lontano, mentre cercava di nascondersi dietro un capanno rurale.

La prima immediata attività d’indagine svolta sul posto, ha consentito al personale intervenuto di ricostruire l’intera vicenda e di appurare che un venditore ambulante, 29enne di origini marocchine, ma da tempo residente in Italia, in provincia di Terni, circa mezz’ora prima del loro arrivo, in evidente stato di ubriachezza, si era introdotto nell’abitazione di una anziana donna di 94 anni del luogo, e spingendola e strattonandola, le aveva intimato di consegnargli tutto il denaro contante che aveva in casa.

Poi, resosi conto che la donna non aveva soldi, l’aveva portato nella sua camera e, dopo averla scaraventata sul letto, l’aveva immobilizzata ed aveva tentato di abusare di lei. Il fortuito rientro in casa della badante della vittima, che con molta determinazione si era opposta al delinquente, aveva fatto sì che il delitto non giungesse alle estreme conseguenze e che l’uomo si desse alla fuga.

L’anziana donna è stata immediatamente trasportata al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Castiglione del Lago, dove le sono stati assegnati 7 giorni di prognosi per diverse contusioni ed ecchimosi in varie parti del corpo.

Invece, il marocchino è stato arrestato per i reati di tentata rapina, violenza sessuale e lesioni personali e tradotto presso il Carcere di Capanne, dove permarrà a disposizione della Procura di Perugia.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*