Carabinieri setacciano territorio della Media Valle

Nei giorni scorsi, la Compagnia Carabinieri di Todi, attraverso le proprie articolazioni operative (Stazioni e Nucleo Operativo e Radiomobile), in perfetta aderenza con le indicazioni ricevute dal Comando Provinciale di Perugia, ha attuato un diuturno servizio straordinario di controllo del territorio di competenza.

I risultati conseguiti sono stati diversi:

– i Carabinieri della Stazione di Todi, durante un posto di blocco, intimavano l’Alt ad un’autovettura con due giovani a bordo, i quali non si fermavano, dandosi alla fuga. Dopo l’inseguimento di qualche chilometro, il veicolo veniva bloccato ed i due giovani tuderti, venivano sottoposti a controllo. Al termine delle verifiche del caso, emergeva che i due si erano dati alla fuga perché viaggiavano senza la prescritta copertura assicurativa, pertanto il veicolo veniva sequestrato ed il conducente dello stesso veniva pesantemente sanzionato amministrativamente;

– i Carabinieri di Marsciano denunciavano una donna albanese, perché si era resa responsabile del furto di capi di abbigliamento all’interno di un negozio;

– i militari dell’Aliquota Radiomobile deferivano alla Procura della Repubblica di Spoleto un quarantacinquenne cinese, un trentenne di Todi, un ventitreenne ed trentatreenne del ternano, sorpresi di notte alla guida delle proprie autovettura in stato di ebbrezza alcolica. Un ventenne di Perugia, invece, veniva denunciato poiché all’invito dei Carabinieri di sottoporsi agli accertamenti sanitari ,tesi a verificare lo stato di alterazione dovuto all’assunzione di stupefacenti, si rifiutava;

– un giovane di Marsciano veniva segnalato alla Prefettura poiché trovato in possesso di un modesto quantitativo di marijuana, detenuta per uso personale;

– a Gualdo Cattaneo, i Carabinieri della locale Stazione, di notte, fermavano uno straniero che girovagava nella frazione di San Terenziano. Costui, alla richiesta di declinare le proprie generalità ed esibire i documenti, non solo si rifiutava, ma tentava di scappare, usando violenza contro i militari, che riuscivano comunque a bloccarlo. L’uomo veniva identificato in un cittadino marocchino di trentasei anni, residente a Massa Martana, già conosciuto alle Forze dell’Ordine e sottoposto, per una precedente giudiziaria, alla misura cautelare dell’obbligo di presentarsi giornalmente presso un Comando dell’Arma. Lo straniero, quindi, veniva denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le proprie generalità, proponendolo nel contempo per la misura di prevenzione del divieto di ritorno nel comune di Gualdo Cattaneo per tre anni;

– una donna moldava, inoltre, veniva denunciata per oltraggio a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le proprie generalità;

– infine, con l’ausilio delle unità cinofile antidroga del Nucleo Cinofili CC di Firenze, venivano controllate diverse classi di istituti scolastici superiori di Marsciano e Todi.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*