Camion ribaltato, proseguite operazioni durante la notte

(UJ.com) TERNI <!–webbot bot="Timestamp" S-Type="EDITED" S-Format="%d/%m/%Y" startspan –>22/08/2008<!–webbot bot="Timestamp" endspan i-checksum="12626" –> - Sono proseguite per tutta la notte alla luce delle fotoelettriche e delle torri faro le operazioni che i vigili del fuoco avevano iniziato alle ore 16 circa lungo il raccordo Perugia\Bettolle (Loc. Magione) a seguito di un incidente che aveva coinvolto un autocarro che trasportava tredici serbatoi di Pentasolfuro di Fosforo proveniente da uno stabilimento che ha sede a Spoleto. In particolare si è provveduto al recupero del mezzo (trattore e semirimorchio) e successivamente al recupero dei contenitori finiti nella sottostante scarapata. L’intervento, lo ricordiamo, è stato richiesto ai VVF a seguito dell’incidente che ha coinvolto l’automezzo diretto verso l’ingresso dell’autostrada di Bettole con destinazione Savona. Nella corsa fuori strada l’autista del mezzo non ha riportato gravi danni ed era stato soccorso dal personale del servizio sanitario del 118 e quindi trasportato presso l’ospedale civile di Perugia ove è stata fatta una prima prognosi con 10 giorni di convalescenza. Il personale VF prontamente intervenuto sul posto con diverse squadre di soccorso e con diversi automezzi tra cui l’apposito autofurgone che trasporta attrezzature specifiche per intervento in presenza di sostanze chimiche (NBCR) ha gestito le diverse fasi delle operazioni. Sul posto sono poi intervenute anche due autogrù VF per il sollevamento del mezzo ed stato fatto intervenire anche il personale dell’azienda che aveva curato la spedizione della sostanza e personale specializzato nel recupero della sostanza e nella bonifica dell’area interessata dalla fuoriuscita del prodotto. La Polizia Stradale e personale dell’Arma dei Carabinieri unitamente alla Polizia Municipale hanno provveduto a gestire al circolazione stradale limitando le corsie di marcia e poi interrompendo la circolazione tra Magione e Torricella durante la fase di recupero del mezzo. Il prodotto era contenuto all’interno di tredici contenitori ognuno dei quali ha un peso di circa 20.000 KG alcuni di questi contenitori finiti letteralmente sotto\sopra sono stati danneggiati. Le operazioni di recupero sono state eseguite con precauzioni e cautele (Il Pentasolfuro di Fosforo è infatti una sostanza ad elevato livello di rischio: particelle finemente disperse formano miscele esplosive in aria anche con percentuali dello 0.05% - eventuali contatti con acqua producono l’emissione di fumi o gas tossici o irritanti). L’assenza di pioggia, di corsi d’acqua o di un particolare livello di umidità dell’aria ha favorito le operazioni di recupero evitando vistosi fenomeni di inquinamento del terreno. Le operazioni sono state coordinate sul posto dal funzionario di turno e dal Comandante Provinciale ing. Raffaele Ruggiero che ha mantenuto rapporti con la Prefettura e con gli altri Enti. Alle ore 4 circa è stato ultimato il recupero dei singoli contenitori ivi compresi quelli danneggiati, in questa fase è in atto il recupero del prodotto rimasto sulla scarpata e, con l’impiego della ditta specializzata si stanno eseguendo le operazioni di bonifica. Si fa riserva di fornire ulteriori notizie al riguardo circa l’avvenuta ultimazione delle operazioni di soccorso che proseguiranno per tutta la mattinata odierna. <br /> 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*