Boxe, Falcinelli parla da Pechino

PECHINO - &quot;Le Olimpiadi sono un grande impegno sportivo da rispettare, e la politica deve occuparsi di ciò che gli spetta. Noi siamo portatori di un messaggio sportivo di pace tra i popoli. Gli atleti, poi, sono i primi sostenitori dei diritti umani, attraverso quei valori che da sempre contraddistinguono lo sport. In particolare modo la boxe, che ha un legame profondo con il sociale&quot;. A parlare è stato il presidente della federboxe <b>Franco Falcinelli,</b> arrivato oggi a Pechino. Le parole di Falcinelli, per sua stessa ammissione, sono in riferimento alle affermazioni fatte nei giorni scorsi da alcuni esponenti di An. &quot;Non so come possano chiederci certe cose - ha detto ancora Falcinelli -. Noi siamo in attesa di riscuotere qualcosa dopo un lungo periodo di lavoro, sacrifici e risultati importanti. La consacrazione olimpica rappresenta il traguardo di un percorso che finora ci ha dato grandi soddisfazioni. Le dichiarazioni fatte dai nostri atleti sono corrette: siamo a Pechino perche' rappresentiamo lo sport italiano&quot;. &quot;Come ha ricordato il presidente del Coni Petrucci - ha concluso il presidente della Fpi -, e' stato lo stesso Presidente della Repubblica Napolitano a consegnarci la bandiera da tenere alta in occasione di questa importante edizione dei Giochi Olimpici. E cosi' faremo&quot;.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*