AD AMELIA IL PROGETTO PER IL NUOVO OSPEDALE COMPRENSORIALE

<p><a target="_blank" title="Scrivi a Cristina Pappone" href="mailto: papponecristina@gmail.com"><img style="border: 1px solid black; float: right;" src="http://www.umbriajournal.com/MediaCenter/API/Risorse/StreamRisorsa.aspx?guid=ACE3868D-A82C-49D3-92BD-8A0A0850824D" border="0" /></a>(UJ.com) AMELIA - Si marcia spediti verso la realizzazione della nuova struttura ospedaliera di Narni e Amelia, un tassello decisivo nella programmazione regionale per completare la riorganizzazione della rete ospedaliera umbra. Nel corso dell’Assemblea dei Sindaci tenuta nella giornata di ieri ad Amelia, il direttore generale della Asl 4 Vincenzo Panella, rispettando gli impegni <b>assunti </b>nella recente seduta congiunta dei Consigli comunali di Narni ed Amelia, ha presentato ufficialmente ai primi cittadini le caratteristiche strutturali e organizzative del nuovo ospedale comprensoriale che sorgerà a Cammartana. Come anticipato nelle scorse settimane, la volumetria del complesso ospedaliero rimane inalterata rispetto al progetto originario. Si prevede un <b>aggiornamento </b>e una rimodulazione dei reparti ospedalieri e del numero dei posti letto per rispondere meglio alle mutate esigenze e ai bisogni di salute emergenti della popolazione.</p>
<p> </p>
<p>Spazi adeguati e confortevoli, soluzioni strutturali d’avanguardia e organizzazione dei reparti studiata per favorire la massima funzionalità dei servizi sono gli elementi qualificanti che hanno guidato, in questi mesi, il lavoro dei tecnici nella definizione del nuovo <b>progetto</b>. Nasce il nuovo ospedale - Il piano terra ospiterà invece tutti i servizi di radiodiagnostica e diagnostica per immagini, il pronto soccorso, il servizio dialisi e servizi vari come bar e mensa. Il secondo piano, riservato alla riabilitazione, sarà in grado di garantire prestazioni specialistiche all’utenza provinciale ed <b>extraprovinciale </b>con 78 posti letto, palestre attrezzate e servizi dedicati alla riabilitazione. Il terzo piano, l’ospedale di comunità con 75 posti letto, ospiterà i reparti di degenza di medicina e chirurgia e il blocco delle sale operatorie, l’area materno infantile, il blocco parto e il punto nascita, l’ endoscopia digestiva.</p>
<p> </p>
<p>Il progetto, che ha la duplice vocazione di ospedale di comunità e centro di riabilitazione, è stato ulteriormente qualificato prevedendo la realizzazione di una piscina al primo piano seminterrato, che risulterà fondamentale per implementare le attività di riabilitazione, cui verranno affiancati gli impianti tecnici e la cucina. La Conferenza dei Servizi programmata per giovedì 16 <b>dicembre </b>porrà un tassello definitivo alla realizzazione della struttura che ha visto impegnati, con cospicui finanziamenti, la Regione dell’Umbria, la Asl 4 provinciale. In questa occasione, alla presenza di tutti i soggetti istituzionali interessati, dalla Provincia di Terni alla Sovrintendenza, dai Vigili del Fuoco ai tecnici del dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria e ai responsabili di numerosi uffici <b>regionali</b>, sarà approvato il progetto definitivo dell’opera e la variante al piano regolatore generale. Il nuovo ospedale comprensoriale di Narni e Amelia, che tutti considerano una tappa storica per la sanità provinciale e regionale, sta finalmente diventando una realtà.</p>
<p> </p>
<p>Il sindaco di Amelia Giorgio Sensini, apprezzando i risultati sin qui raggiunti, ha sottolineato come “questa iniziativa sia l’ennesima dimostrazione dell’impegno congiunto delle due municipalità di <b>Narni </b>e di Amelia e del contributo decisivo di Regione e Asl 4 per raggiungere l’obiettivo strategico del nuovo ospedale comprensoriale che garantirà un indubbio salto di qualità nella risposta assistenziale al cittadino”. “E’ una risposta chiara e significativa che diamo alle comunità amerina e narnese malgrado le forti strumentalizzazioni, molto spesso non motivate, messe in <b>campo </b>in queste settimane da alcuni settori cittadini che hanno provocato allarmi ingiustificati tra la popolazione. I fatti ci stanno dando ragione”.</p>

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*