A CASTIGLIONE DEL LAGO LA MOSTRA DI ARTI VISUALI “OPPOSTO/CONTRARIO”

<p>(UJ.com) CASTIGLIONE DEL LAGO - Sarà inaugurata venerdì 15 ottobre 2010 alle ore 17.30 presso Palazzo della Corgna a Castiglione del Lago, la mostra di arti visuali “Opposto/Contrario” a cura di Guido Maraspin, organizzata in collaborazione con il Comune di Castiglione del Lago in occasione della manifestazione “Altrocioccolato”, in programma nel fine settimana dal 15 al 17 ottobre e per la prima volta nella cittadina lacustre. La mostra di arti visuali che partecipa e interviene come evento non commerciale alla settima edizione di “Altrocioccolato”, pone fino<b> dal titolo</b> che si è data, “Opposto/Contrario”, l’accento sulle origini di un modo diverso di produrre e consumare, opposto e contrario appunto al modello di capitalismo globale oggi dominante e che come avviene con il Commercio Equo e Solidale “rispetti la dignità delle persone e il loro lavoro e sia sostenibile per le risorse del pianeta”. «Nomadismo e territorio – è spiegato nella presentazione della mostra - : una presa di coscienza critica e senza pregiudizi sull’inscindibilità di queste due forze e sulle relazioni di conflitto/integrazione che producono tra i viventi, vegetali compresi (fino al cacao). Dove i “conflitti” sono perlopiù economici frutto della mancata “integrazione” al reddito degli sfruttati nei paesi in via di sviluppo».</p>
<p> </p>
<p>Si tratta di una mostra multimediale di 14 personalità artistiche con percorsi variegati, di diversa nazionalità (Italia, Argentina, Australia, Olanda) e di cui la metà provenienti dal Trasimeno, che a partire dal territorio umbro incrociano e definiscono le complesse geografie culturali in mutamento e in esse esprimono interrogativi, conoscenze, visioni, per cambiare rotta a questo pianeta, come si dice forse troppo di sfuggita. Un diritto di replica, o meglio un obbligo di rettifica, che unisce gli artisti di<b> “Opposto/Contrario” </b>e che si “oppone” alle scorciatoie dell’intolleranza, all’avidità del capitale, alla violenza dello sradicamento. Le opere sono realizzate con diverse tecniche e supporti (disegno/pittura, fotografia, scultura, video, installazioni) ma raccolgono e restituiscono un’emozione viva, un’immagine vitale, alle prese con un contesto reale e simbolico completamente distorto. Non solo il classico “detournement” situazionista ma qualcosa di più profondo. La mostra resterà aperta da venerdì 15 ottobre fino al 1 novembre 2010, con esposizioni presso Palazzo della Corgna e presso “La Darsena” di Castiglione del Lago. Le opere esposte sono degli artisti: José Carlos Araoz, Alessandra Baldoni, Silvia Bistacchia, Priscilla Blokland, Massimo Boccardini, Lucilla Candeloro, Francesco Capponi, Megan Jane Hunter, Francesca Manfredi, Roberta Meccoli, Roberto Pierini, Simone Pucci, Massimo Rossi e Viviana.</p>

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*