“3donne3strade”, tre vie porteranno i nomi di Ilaria Alpi, Elsa Morante ed Edda Orsi

img1024-700_dettaglio2_ilaria-alpiRientra nel progetto 3donne3strade/per riconoscere la memoria collettiva femminile, l’intitolazione di tre vie nella zona di Cenerente, a Ilaria Alpi, Elsa Morante, Edda Orsi.

L’intitolazione, che avverrà mercoledì, 26 marzo, alle 10.30, prevede il ritrovo dei partecipanti presso la Chiesa di Cenerente.

Elsa Morante (1912 -1985), scrittrice, saggista, poetessa e traduttrice italiana considerata tra le più importanti autrici di romanzi del secondo dopoguerra, fu anche moglie dello scrittore Alberto Moravia. La Storia, la sua opera di maggior successo, ambientata a Roma durante la seconda guerra mondiale, uscì nel 1974 ed ebbe fama internazionale. Luigi Comencini ne trasse uno sceneggiato TV nel 1986, interpretato da Claudia Cardinale.

Il primo romanzo che Elsa Morante pubblicò fu Menzogna e sortilegio, uscito pressoEinaudi , che vinse il Premio Viareggio. Il romanzo fu successivamente pubblicato negli Stati Uniti col titolo House of Liars nel1951. Il successivo romanzo, L’isola di Arturo, uscì in Italia nel 1957 riscuotendo grande successo di pubblico e di critica (vinse il Premio Strega).

La giornalista televisiva Ilaria Alpi (1961 -1994) fu uccisa in Somalia, a neanche 33 anni, insieme all’operatore Miran Hrovatin mentre si trovava a Mogadiscio come inviata del TG3. La vita di Ilaria Alpi è stata breve ma intensa, è stata una giornalista che ha svolto con passione e grande senso etico il suo lavoro, la prima ad indagare sui rifiuti tossici e sui traffici d’armi, inchiesta che l’ha portata alla morte.

Oggi c’è ancora molto bisogno di un giornalismo come quello di Ilaria Alpi, che aiuti a capire di più e meglio la complessità degli eventi e dei mondi che ci circondano, che offra un’informazione intelligente, capace di guardare in profondità e riflettere sugli eventi, anziché sull’audience. Tra le motivazioni di questa scelta c’è anche che Perugia è sede della Scuola di Giornalismo Radiotelevisivo e l’auspicio che la vicenda umana e professionale di Ilaria Alpi e del suo rigoroso e totale impegno possa costituire un modello positivo alto per i giovani da contrapporre ai discutibili modelli oggi imperanti.

Edda Orsi, umbra d’adozione ma nata a Genova; sedicenne, dopo l’8 settembre 1943, si iscrisse negli elenchi del Soccorso Rosso, aderendo ai Gruppi di difesa della donna nel Cnl (Comitato di Liberazione Nazionale). A 18 anni si ritrovò staffetta, con il nome di battaglia di Adriana, a trasportare stampa clandestina, armi e bombe a mano. Rimase iscritta al Pci dal 1943 fino alla fine, nel 1990, cominciando a lavorare alla Camera del lavoro di Genova, poi come funzionaria all’Inca e al Sindacato Pensionati, frequentando la scuola di partito nel 1951, superando, lei così riservata, la difficoltà dei primi comizi nelle piazze. Al 1954 risale la scelta dolorosa di lasciare la sua terra e la famiglia per il trasferimento a Perugia, accettando l’incarico di responsabile femminile del Partito comunista presso la federazione perugina. Lavorò poi come dipendente del Comune di Perugia e, quindi, come consulente per la Regione Umbria, per il Centro delle Pari Opportunità e per la Provincia di Perugia sulle questioni del lavoro femminile. E’ scomparsa nel 2003.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*