15 ANNI DI ATTIVITÀ DELL’ASSOCIAZIONE NAZIONALE CITTÀ DELL’OLIO CITTÀ DELL’OLIO

<p>di <b>Danilo Nardoni</b> (Uff stampa) SPELLO – La mission e le attività dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio ruotano da ormai 15 anni tutte intorno alle molteplici caratteristiche della pianta dell’olivo ed alle indiscusse proprietà del prezioso prodotto olio extravergine d’oliva, cui è strettamente connesso un insieme di elementi valoriali altrettanto importanti e sotto vari aspetti. Ora è arrivato per le Città dell’Olio anche il momento per un bilancio e per analizzare prospettive future. Sarà proprio la cittadina umbra di Spello ad avere il privilegio di accogliere i numerosi partecipanti, provenienti da ogni parte del Paese, alla celebrazione del quindicennale dell’Associazione con l’iniziativa dal titolo “Dicembre 1994 - Dicembre 2009: 15 anni di attività”.</p>
<p>Le Città dell’Olio da tempo, infatti, profondono un costante impegno volto al comune obiettivo di promuovere e valorizzare il vasto e vario patrimonio olivicolo italiano attraverso iniziative di alto livello e proficue collaborazioni. L’evento si terrà sabato 5 dicembre alle ore 11 presso la Sala dell’Editto del Palazzo Comunale. Dopo l’apertura delle celebrazioni da parte del presidente delle Città dell’Olio Enrico Lupi, della Camera di Commercio di Imperia, insieme al vicepresidente Paolo Morbidoni (sindaco di Giano dell’Umbria e coordinatore degli enti soci umbri), e la consegna della bandiera delle Città dell’Olio al sindaco di Spello Vitali, ci saranno i saluti dello stesso sindaco e del vicesindaco Antonio Luna, presente anche nel collegio dei revisori dei conti delle Città dell’Olio. Successivamente prenderanno la parola l’assessore all’agricoltura della Regione Umbria Carlo Liviantoni, l’assessore all’agricoltura della Provincia di Perugia Roberto Bertini e Giuliano Nalli, sindaco di Trevi e presidente della Strada dell’Olio Dop Umbria, impegnata nella promozione turistica dell’intera regione attraverso il percorso unico e suggestivo dell’olio extravergine di oliva Dop Umbria. Alla celebrazione del quindicennale interverranno, tra gli altri, il presidente onorario Pasquale Di Lena e il primo presidente delle Città dell’Olio Carlo Antonini. Antonini, attualmente assessore della Provincia di Perugia, è stato infatti quindici anni fa il primo presidente dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio quando ricopriva l’incarico di sindaco di Trevi.</p>
<p>Questo rappresenta un segnale di paternità per una regione, caratterizzata dall’olio di alta qualità, che abbraccia anche in questa occasione dei 15 anni le tante Città dell’Olio italiane di inimitabile civiltà e cultura olivicola. Da segnalare, inoltre, la consegna del premio Olivo d’Argento da parte del presidente delle Città dell’Olio alla memoria del senatore umbro Giuseppe Salari, che fu il primo parlamentare a proporre nel 1960, percorrendo i tempi a livello europeo, un disegno di legge nel quale si proponeva la denominazione di qualità olio extravergine di oliva. Il premio sarà consegnato al figlio Maurizio Salari. Infine interverranno anche alcuni rappresentanti degli enti soci delle Città dell’Olio. Fondata a Larino (Campobasso) il 17 dicembre 1994, l’Associazione Nazionale Città dell’Olio - con sede a villa Parigini, nel Comune di Monteriggioni (Siena) - riunisce 344 enti di 17 regioni d’Italia tra Comunità Montane, Camere di Commercio,</p>
<p>Province e Comuni che danno nome ad un olio o in cui esiste un’affermata tradizione olivicola, sparsi da Nord a Sud della Penisola, dal Ponente ligure al Triestino, fino alle Isole. Le 17 regioni che aderiscono all’Associazione Nazionale sono: Abruzzo; Basilicata; Calabria; Campania; Emilia Romagna; Friuli Venezia Giulia; Lazio; Liguria; Lombardia; Marche; Molise; Puglia; Sardegna; Sicilia; Toscana; Veneto. Oltre naturalmente all’Umbria. L'iniziativa di Spello del quindicennale, che rientra nell'ambito dell'evento "L'oro di Spello" (48° edizione della Festa dell’Ulivo e Sagra della Bruschetta) in programma dal 5 all’8 dicembre prossimi e nel più ampio cartellone di Frantoi Aperti (iniziato il 7 novembre scorso proseguirà fino all’8 dicembre), rappresenta anche per le città dell'olio umbre, coordinate da Paolo Morbidoni, sindaco di Giano dell’Umbria nonché vicepresidente dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio, un'occasione per confermare e valorizzare la produzione olearia locale rappresentata dalla Dop Umbria (suddivisa nelle</p>
<p>cinque sottozone dei Colli Assisi Spoleto, Colli Martani, Colli Amerini, Colli Orvietani, Colli del Trasimeno). Morbidoni, in qualità di coordinatore regionale, svolge dal 2001 un’azione di raccordo rispetto alla segreteria nazionale, interpretando e facendosi portavoce delle esigenze delle singole realtà territoriali. Ricordiamo che i 31 enti soci umbri delle Città dell'Olio sono: Provincia di Perugia, Comunità Montana Trasimeno - Medio Tevere, Camera di Commercio di Perugia, e i Comuni di Arrone, Baschi, Bettona, Bevagna, Campello sul Clitunno, Castel Ritaldi, Castel Viscardo, Castiglione del Lago, Collazzone, Ficulle, Foligno, Giano dell’Umbria, Gualdo Cattaneo, Lugnano in Teverina, Magione, Marsciano, Massa Martana, Montecchio, Montefalco, Montefranco, Montegabbione, Paciano, Spello, Spoleto, Stroncone, Torgiano, Trevi, Turo sul Trasimeno. Sotto l’egida delle Città dell’Olio, che diffondono la cultura e l’importanza dell’olio nei comuni, in Umbria c’è anche un forte comparto dell’olivicoltura, che si muove per la tutela dell’olio (Consorzio di Tutela dell’Olio Extravergine di Oliva Dop Umbria) e, attraverso le qualità non solo nutrizionali di questo prodotto unico, pure per la promozione turistica dell’Umbria (Strada dell’Olio Dop Umbria). Completerà l’incontro della mattina, moderato da Marzia Moranti Tempestini, la proiezione di un filmato costituito dalle foto raccolte nel corso di 15 anni di attività delle Città dell’Olio e organizzate per macro sezioni: missioni all’estero, progetti, area istituzionale con consegna delle bandiere, ecc… Dopo la pausa pranzo, e sempre nella sala dell’Editto del Palazzo Comunale di Spello, dalle ore 16 si terrà l’assemblea ordinaria dell’Associazione, questa volta riservata solo ai soci.</p>

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*