Zecchino d’Oro, le selezioni a Olmo di Perugia

la Parrocchia di Santa Maria della Speranza ha ospitato le selezioni umbre di quest'anno

Zecchino d’Oro, le selezioni a Olmo di Perugia. Anche quest’anno, il 27 giugno, la Parrocchia di Santa Maria della Speranza di Olmo a Perugia, ha ospitato nella sala rotonda, le Selezioni dello Zecchino d’oro. Il tour, organizzato dal project manager, Claudio Zambelli, ha previsto l’arrivo a Perugia di padre Alessandro Caspoli, direttore dell’Antoniano di Bologna, che ha seguito con attenzione insieme ai ragazzi dello staff, Paolo Orangis, Concetta Fierro e Francesco Vaccaro, l’ascolto degli oltre cento bambini iscritti.

La tappa a Perugia è inserita nelle selezioni zonali, programmate anche ad Osimo il 29 giugno ed il 2 luglio ad Alba Adriatica, dove in occasione dell’evento “La spiaggia dello Zecchino” verrà allestito uno spettacolo durante la domenica 3 luglio, al quale parteciperanno oltre dieci bambini selezionati in questi tre giorni.

A Perugia le selezioni hanno visto la partecipazione di bambini provenienti da tutta l’Umbria, ma anche da Roma, Civitavecchia, Chianciano. La canzone più gettonata è stata “Prendi un’emozione”, vincitrice del 58° Zecchino nel novembre 2015, ma non sono mancate le sempreverdi come “Il coccodrillo come fa” e “Il cuoco pasticcione”. Il primo ad arrivare sul posto è stato “Il verbivoro” Giacomo Pedini di Olmo in Perugia, partecipante al 56°Zecchino, desideroso di rivivere il clima di quella meravigliosa esperienza in casa dell’Antoniano di Bologna.

Padre Alessandro ha sottolineato: «le selezioni sono completamente gratuite ed avvengono in una forma che i bambini percepiscono come gioco. Ricordiamo sempre che lo Zecchino non è un talent-show. Non si cercano bambini-prodigio o talenti, ma bambini che possano interpretare “vestendo” le canzoni che sono state selezionate attraverso un bando di concorso al quale hanno partecipato autori di tutt’Italia e non solo. Lo Zecchino continua a proporre delle canzoni e uno spettacolo televisivo adatto all’infanzia, che veicola i valori della famiglia, dell’accoglienza, dell’amicizia, del rispetto verso l’ambiente, seguendo le linee guida che caratterizzano l’Antoniano e lo spirito dei frati minori».

È già in preparazione l’edizione 2017, che festeggerà il 60° anno dalla nascita di questa meravigliosa e storica trasmissione, che pur rinnovandosi nella forma, rimane fedele alla tradizione. Il parroco di Olmo, mons. Fabio Quaresima, ha salutato con affetto padre Caspoli, rinnovando la sua approvazione all’iniziativa».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*