Venerdì 10 luglio, il Trasimeno Music Festival a Perugia

Angela Hewitt
Angela Hewitt

Venerdì 10 luglio 2015, Perugia accoglierà due eventi che concludono, con gran successo, l’undicesima edizione del Trasimeno Music Festival, organizzato dall’omonima associazione e con la direzione artistica della pianista canadese Angela Hewitt. Il primo appuntamento è un incontro con lo scrittore inglese William Fiennes intervistato dal giornalista Eric Friesen: si terrà alle ore 16.30 presso l’Aula Magna della Facoltà di Agraria, situata dentro l’Abbazia di San Pietro.

William Fiennes, vincitore del Somerset Maugham Award e autore di The Music Room e The Snow Geese, parlerà del suo amore per la musica e di come questo abbia influenzato il suo modo di scrivere. Alle 21, sarà la volta dell’atteso concerto nella Basilica di San Pietro: Per la prima volta al festival, il soprano Deborah York, la Mahler Chamber Orchestra e Matthew Sadler alla tromba.

Sul palco anche Angela Hewitt e il direttore d’orchestra Hannu Lintu. Il programma prevede: di Grieg, “Holberg Suite”; di Mozart, “Concerto per pianoforte in mi bemolle maggiore, K449”; di CPE Bach, “Concerto per pianoforte in do maggiore, Wq 20”; di JS Bach, “Cantata “Jauchzet Gott in allen Landen”, BWV 51”. I biglietti si possono prenotare telefonando al 393 9458554 o 347 8624957 o scrivendo a info@trasimenomusicfestival.com;

Il prezzo per i residenti del Comune di Perugia è 25,00 euro,per gli studenti fino a 25 anni il prezzo è 10,00 euro. Per tutti i concerti la biglietteria sarà aperta nelle rispettive sedi un’ora prima dell’inizio.


 

BIO ARTISTI

Nata a Sheffield, in Gran Bretagna, Deborah York è una figura importante nel mondo della musica barocca e classica. Ha forgiato la sua carriera esibendosi regolarmente con i migliori ensemble filologicamente informati nelle sale da concerto e nei teatri d’opera di tutto il mondo, e cantando Mozart e Donizetti al Covent Garden.Ha interpretato il ruolo di Mirror in Second Mrs Kong di Harrison Birtwistle a Glyndebourne ed è stata ospite fissa alla Bayerische Staatsoper di Monaco e alla Staatsoper Unter den Linden di Berlino in opere di Mozart, Gluck, Handel, Britten, Monteverdi e Purcell. L’incisione della ‘Carriera di un libertino’ di Stravinsky con John Eliot Gardiner e l’Orchestra Sinfonica di Londra per la Deutsche Grammophon, in cui Deborah ha cantato il ruolo di Anne Truelove, ha vinto un Grammy Award per la migliore interpretazione operistica. Successivamente, ha portato lo stesso ruolo al Teatro Colón di Buenos Aires, a Tel Aviv e alla Semperoper di Dresda. Nel 2013 Claudio Abbado l’ha invitata a cantare in ‘Sogno di notte di mezza estate’ di Mendelssohn-Bartholdy per il suo ultimo concerto con l’Orchestra Filarmonica di Berlino, alla Philharmonie. Recentemente si è esibita nella Quarta di Mahler a Niigata, Giappone, con Masayuki Honda e nella Messa in do minore di Mozart, come primo soprano, con Louis Langrée e la Camerata Salzburg. Nella prossima stagione terrà concerti con l’Orchestra Filarmonica di Brema, l’Orchestra della Konzerthaus di Berlino e la Dresdner Kreuzchor. Deborah si è esibita come soprano solista in oltre 60 cantate di J.S. Bach, e ne ha incise alcune con Philippe Herreweghe per Harmonia Mundi e Ton Koopman per Erato. Ha anche cantato come primo soprano nella versione pionieristica della ‘Matthäus Passion’ registrata per la Deutsche Grammophon con il Gabrieli Consort. Appassionata di musica vocale da camera, è regolarmente impegnata in programmi da solista (con l’organista Jeremy Joseph e il pianista Julius Drake, tra gli altri). Ha inoltre tenuto recital a Mosca, Schwetzingen, Berlino, Innsbruck e una tournée in America e Canada, culminata nel suo debutto alla Carnegie Hall. La vasta discografia di Deborah comprende oltre 40 cd e dvd di concerti e opere, dal vivo e in studio. Registrerà un nuovo disco in autunno con l’Ensemble Delirio e basso-baritono Florian Boesch.

 

Direttore Principale della Finnish Radio Symphony Orchestra da agosto 2013, Hannu Lintu è stato anche Direttore Artistico e Direttore Principale della Filarmonica di Tampere, Direttore Ospite Principale della RTE National Symphony Orchestra di Dublino e Direttore Artistico delle orchestre Helsingborg Symphony e Turku Philharmonic.Nella stagione 2014/15 Lintu debutterà con la Hallé Symphony Orchestra e sarà impegnato con la BBC Scottish Symphony, la Filarmonica di Varsavi, la Lahti Symphony Orchestra, e inoltre WDR Sinfonieorchester Köln, Orquestra Sinfonica de Barcelona, Tokyo Metropolitan Symphony Orchestra. Tornerà a dirigere la Baltimore Symphony e Saint Louis Symphony orchestra negli USA, e farà il suo debutto con le orchestre sinfoniche di Detroit e del Minnesota. Nella scorsa stagione, il Maestro ha accettato di condurre la Philharmonia Orchestra con un ingaggio last-minute, e inoltre ha lavorato con la Royal Scottish National Orchestra, la Deutsches Symphonie-Orchester Berlin, la MDR Sinfonieorchester Leipzig e l’Orchestre National de Lyon, la Royal Stockholm Philharmonic e la Göteborg Symphony, la Cincinnati Symphony Orchestra e la Houston Symphony. Tra i suoi recenti impegni operistici ricordiamo Kullervo, di Sallinen, al Savonlinna Opera Festival 2014 e Tannhäuser, con l’Opera di Tampere nel 2012. Lavora regolarmente alla Finnish National Opera, ed ha inoltre diretto Parsifal (regia di Harry Kupfer), Carmen e il re Lear di Aulis Sallinen. Ha lavorato anche con la Estonian National Opera, registrando Mare and her son di Tauno Pylkkänen.Hannu Lintu vanta una lunga discografia, per Ondine, Naxos, Avie e Hyperion. Per Hyperion ha recentemente inciso i Concerti n. 22 e 24 di Mozart Concerti con Angela Hewitt e la National Arts Centre Orchestra di Ottawa. Altre registrazioni includono opere di Ligeti e la Sinfonia Turangalîla di Messiaen, ancora con Angela Hewitt e Valerie Hartmann-Claverie, per Ondine con la Finnish Radio Symphony Orchestra. Lintu ha ricevuto numerosi riconoscimenti per le sue incisioni, tra cui una nomination al Grammy nel 2011 per il Miglior CD di Opera, e varie nominations al Gramophone Award per le sue registrazioni della Seconda Sinfonia di Enescu con la Tampere Philharmonic Orchestra e dei Concerti per violino di Sibelius e Thomas Adès con Augustin Hadelich e la Royal Liverpool Philharmonic Orchestra.Hannu Lintu ha studiato violoncello e pianoforte presso l’Accademia Sibelius, Helsinki, dove ha poi intrapreso lo studio della direzione d’orchestra con Jorma Panula. Ha partecipato a masterclass con Myung-Whun Chung presso l’Accademia Chigiana di Siena e ha vinto il primo premio alla Nordic Conducting Competition a Bergen nel 1994.

 

Matthew Sadler è nato a Londra nel 1981. Ha frequentato le scuole a Winchester e ha trascorso un anno presso l’Universität für Musik und Darstellende Kunst di Vienna. Durante questo periodo, è stato finalista nella sezione dedicata agli ottoni al Concorso BBC Young Musician of the Year ed ha iniziato a suonare nella Gustav Mahler Jugendorchester, esperienza che lo ha convinto a diventare un musicista professionista. Ha conseguito una laurea di primo livello in storia presso lo University College di Londra e si è trasferito in Germania nel 2003, per studiare a Monaco di Baviera con Hannes Läubin. Ha ricevuto una borsa di studio DAAD ed è entrato all’Accademia della Filarmonica di Berlino.Matthew ha iniziato a suonare regolarmente con la MCO nel 2010. Si esibisce anche come prima tromba in formazioni diverse come MusicaAeterna, la Münchner Kammerorchester, e l’Orchestra Barocca di Salisburgo. Nel 2009 ha fondato l’Ensemble Schwerpunkt, un gruppo che si concentra principalmente sulla musica contemporanea, a stretto contatto con diversi compositori. L’Ensemble Schwerpunkt ha vinto il Felix Mendelssohn-Bartholdy Preis der Stiftung Preußischer Kulturbesitz a Berlino nel 2011, e il primo premio alla Jan Koetsier Competition di Monaco nel 2012. Oltre a partecipare a festival internazionali, l’ensemble è stato impegnato in un lungo progetto con Deutschlandfunk per tutto il 2014. Matthew ha inciso la “Marche Heroique” di Telemann, nel 2008, ed è stata trasmessa sulla BBC Radio 3.

 

Nei suoi sedici anni di vita la Mahler Chamber Orchestra (MCO) si è affermata come uno degli ensemble artisticamente più interessanti e di maggior successo del panorama musicale internazionale. Fra le sue residenze e le grandi tournée in tutto il mondo, l’orchestra è in viaggio all’incirca duecento giorni all’anno. Finora l’orchestra si è esibita in 35 paesi, nel 2014 fa il suo debutto in Islanda. Dal 1998 la MCO è orchestra residente di Ferrara Musica e da allora l’ensemble è diventato uno dei protagonisti della vita musicale cittadina. A partire dal 2003 l’orchestra si reca ogni estate al Festival di Lucerna, dove costituisce il nucleo della Lucerne Festival Orchestra fondata da Claudio Abbado. Con la MCO Academy e il programma socio-educativo MCO Landings la MCO sta anche incentivando il proprio impegno sociale e pedagogico. L’Orchestra è stata nominata „Ambasciatore Culturale dell’Unione Europea“ per il triennio 2011-2013.La MCO è stata fondata nel 1997 da membri della Gustav Mahler Jugendochester che desideravano continuare a suonare insieme. È stato così che, grazie al sostegno di Claudio Abbado, essi hanno dato vita all’ensemble perseguendo l’obiettivo di creare un’orchestra internazionale e indipendente di eccelso livello artistico. L’ensemble è salito alla ribalta internazionale pochi mesi dopo la sua fondazione, nell’estate del 1998, in occasione di una produzione del “Don Giovanni” di Mozart diretto da Claudio Abbado al Festival Lirico di Aix-en-Provence. I quarantacinque membri stabili della MCO provengono da venti diversi Paesi europei. Il nucleo principale del suo repertorio è costituito dalle opere sinfoniche e liriche del Classicismo e del primo Romanticismo viennesi.Eppure, la struttura flessibile della MCO le consente di eseguire un repertorio di notevole ampiezza che spazia dalla musica da camera alle grandi opere sinfoniche e liriche, dalla musica barocca alle prime esecuzioni di lavori contemporanei. La sperimentazione con i repertori, con le location dei concerti e con format insoliti è un elemento che contribuisce in modo significativo all’identità dell’ensemble. Il nome dell’orchestra è un rimando diretto alle sue radici che affondano nella Gustav Mahler Jugendorchester. Il termine “chamber” si riferisce più alla sensibilità cameristica degli orchestrali che alle effettive dimensioni dell’ensemble. La MCO non si avvale di un sostegno economico governativo, ma le sue fonti di finanziamento sono costituite essenzialmente dagli introiti derivanti dai concerti, oltre che da donazioni e sponsorizzazioni. La MCO ha una struttura organizzativa democratica e viene diretta in stretta collaborazione dal Consiglio dell’orchestra e dalla Direzione, che ha sede a Berlino.Daniel Harding, insieme al fondatore Claudio Abbado, è il direttore d’orchestra che ha influito maggiormente sul processo evolutivo della MCO: è legato all’orchestra fin dal 1998 quando, appena ventiduenne, fu nominato principale direttore ospite dell’ensemble. Nel 2003 gli è stato affidato l’incarico di Direttore Musicale e nel 2008 ha assunto il titolo di Direttore Principale. Nell’estate del 2011 l’orchestra ha deciso all’unanimità di conferirgli a vita il titolo di Conductor Laureate.

 

ANGELA HEWITT è una delle pianiste più conosciute a livello mondiale. Si esibisce regolarmente in recital e con le più importanti orchestre in Europa, nelle Americhe, in Australia e in Asia.Le sue performance e registrazioni delle opere di J.S. Bach hanno ottenuto un particolare riconoscimento, segnalandola come una delle interpreti di riferimento del compositore ai giorni nostri.Le sue premiate incisioni di tutte le maggiori opere per tastiera di Bach per Hyperion sono state descritte come “una delle glorie discografiche dei nostri tempi” (The Sunday Times). La sua attesissima registrazione dell’Arte della Fuga di Bach è stata pubblicata lo scorso ottobre ed ha immediatamente raggiunto i primi posti nelle classifiche di vendita in Gran Bretagna e Stati Uniti. La sua vasta discografia vanta titoli dedicati a Couperin, Rameau, Mozart, Beethoven, Chopin, Schumann, Fauré, Debussy, Chabrier, Ravel e Granados. Con il direttore d’orchestra Hannu Lintu ha inciso due album dedicati ai Concerti di Mozart (il più recente, con la National Arts Centre Orchestra, ha vinto un Juno Award in Canada pochi mesi fa), il Concerto di Schumann on la DSO Berlin e la imponente Sinfonia “Turangalila” di Messiaen con la Finnish Radio Symphony. Inoltre, è stata pubblicata quest’anno, e molto lodata dalla critica, anche la sua registrazione della Sonata in Si minore e della Sonata “Dante” di Liszt.Le prossime uscite discografiche includeranno il sesto volume delle Sonate di Beethoven e il primo di una serie di album dedicati alle Sonate di Scarlatti.Quest’anno Angela è stata inserita nella “Hall of Fame” del Gramophone Magazine, grazie alla popolarità di cui gode presso gli appassionati di musica di tutto il mondo.Nel corso della prossima stagione, Angela si esibirà con: gli archi del Festival di Lucerna, la Zurich Chamber Orchestra, l’Academy of St Martin in the Fields (diretta da Sir Neville Marriner a Taipei, Macau e Shanghai), la Toronto Symphony Orchestra e la Calgary Philharmonic Orchestra.Parteciperà, tra gli altri, ai Festival di Edinburgo, Oslo, Espinho (Portugal), Mantaa (Finland), Brescia (Festival Benedetti Michelangeli) e al Flanders Festival di Ghent. I suoi recital la porteranno alla Royal Festival Hall, Londra, al 92nd Street Y di New York, a Philadelphia, Atlanta’s Spivey Hall, ad Istanbul, a Praga, a Firenze e, inoltre Amsterdam, Aarhus, Oxford, Manchester, New Orleans, Scottsdale, Ottawa e alla Wigmore Hall di Londra.Sarà nuovamente impegnata con gli scrittori Ian McEwan (Vienna, Konzerthaus, 9 Dicembre) e Julian Barnes (Londra, Barbican, 12 Dicembre), e con l’attore Roger Allam (alla Wanamaker Playhouse dello Shakespeare’s Globe, Londra, 3 Agosto).Nata in una famiglia di musicisti, Angela Hewitt ha iniziato lo studio del pianoforte all’età di tre anni, esibendosi in pubblico a quattro e vincendo un anno dopo la sua prima borsa di studio. Ha poi continuato a studiare con il pianista francese Jean-Paul Sevilla. Nel 1985 ha vinto la Toronto Bach Piano Competition. E’ stata nominata Artista dell’Anno ai Gramophone Awards del 2006.E’ Ufficiale dell’Ordine del Canada dal 2000 e ha ricevuto un OBE nel corso delle celebrazioni per il Compleanno della Regina Elisabetta nel 2006.Membro della Royal Society of Canada, ha ricevuto diverse lauree ad honorem ed è stata recentemente nominata Visiting Fellow presso il Peters College di Cambridge.


 

Il Trasimeno Music Festival è annoverato dalla stampa estera e nazionale come ”uno dei più prestigiosi festival in Europa” e come “uno dei migliori festival musicali in Italia”. Poiché moltissimi stranieri che frequentano il festival rimangono una settimana in Umbria, il Trasimeno Music Festival non è solo una manifestazione artistica ma è un evento che riveste un ruolo di primo piano per la promozione e valorizzazione del territorio dal punto di vista culturale, turistico e sociale.

Il Trasimeno Music Festival 2015 è reso possibile grazie al Comune di Magione, Main Partner – ai numerosi “Amici del Festival”, soci Donatori provenienti da tutto il mondo – alla Regione Umbria per il contributo economico – la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia per il sostegno all’iniziativa – al Sovrano Militare Ordine di Malta per la disponibilità ad ospitare i concerti al Castello di Magione – alla Fondazione per l’Istruzione Agraria per la concessione dell’Abbazia e la Basilica di San Pietro di Perugia – al Comune di Trevi per i concerti del 5 e 7 luglio – al Comune di Bevagna per i concerti del 6 e 8 luglio – al Comune di Panicale per i concerti del 4 e 9 luglio – alla Compagnia del Sole di Panicale per la collaborazione ai concerti del 4 e 9 luglio – agli Amici della Musica di Foligno per la collaborazione al concerto del 5 luglio – alla Pro Loco di San Savino per l’organizzazione del concerto “Anteprima” del 3 luglio – a Fazioli Pianoforti e Umbra Label per la sponsorizzazione del festival.

La manifestazione si avvale del patrocinio dei Comuni di Perugia, Trevi, Foligno, Panicale e Bevagna. www.trasimenomusicfestival.com

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*