Un sogno che si avvera, vi è mai successo?

Carlos Santana e Benito Bolletta
Carlos Santana e Benito Bolletta

da Benito Bolletta (Ben)
Un sogno che si avvera, vi è mai successo? A me è successo, a Verona ieri sera in quella splendida Arena. Ho conosciuto il mio idolo, il mio riferimento musicale e spirituale che seguo da quando avevo 14 anni.
Lui era nel suo camerino tranquillo in attesa dell’inizio del concerto, mi è venuto incontro, mi stringe la mano e mi dice:
“hello, how are you ?”.
In quel frangente l’emozione era tanta, non sapevo bene che stesse succedendo, davanti a me lui, la leggenda del rock che mi stringeva la mano sorridente.
Mi sono sentito un po’ Alberto Sordi ma rispondo con voce alta e sicuro:
“well thanks, and you ?”.

Ho fatto un figurone!
Iniziamo subito una piacevole conversazione e approfitto per regalargli una maglia e un DVD della Abraxas Band che accetta con entusiasmo e mentre parliamo mi autografa con dedica il suo ultimo libro “Suono Universale”.
Gli parlo un po’ di Assisi, della mia terra, di San Francesco e gli offro una collana con un TAU di olivo come simbolo di pace.
La sua reazione è stata di grande ammirazione verso quel Santo, a tal punto da mettersi a mani giunte come se volesse pregare.
Un’ esperienza bellissima che rimarrà indelebile dentro di me per tutta la vita.
Grazie Carlos, sei un grande uomo, ti auguro una lunga vita!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*