Un conto salato. A L’Officina l’ultimo libro di Pier Luigi Brunori

libro brunori(umbriajournal.com) PERUGIA – Una serata tra letteratura e gastronomia. Giovedì 19 marzo, alle 20, presso L’Officina ristorante culturale (Perugia, Borgo XX Giugno, 56) Claudia Minciotti Tsoukas presenta “Un conto salato”, romanzo di Pier Luigi Brunori – Morlacchi Editore. Sarà presente l’autore che leggerà alcuni brani del libro. Dopo due opere di racconti (“L’estate foggiana di Perugia” e “Perugia è un luogo comune”), nel suo ultimo volume Brunori ha scelto la forma del romanzo: “Un conto salato”, ovvero il tentativo di guardare al capoluogo dell’Umbria attraverso una vicenda di fantapolitica collocata nel 1985, anno di elezioni amministrative e di passaggi epocali nelle vicende della sinistra italiana. Una storia che si dipana tra le vie e le case di uno dei quartieri storici di Perugia (tra corso Garibaldi e il Cassero di Porta Sant’Angelo), storia declinata tra l’ironia e il dramma, dove si sparano anche colpi di fucile, dove la caccia ad un presunto assassino si trasforma in un grande spettacolo all’aperto per centinaia di persone. Ed è anche nel ritratto della “massa” che Brunori manifesta la sua capacità di tratteggiare, con poche battute dei vari personaggi, i caratteri delle persone così come sono andati conformandosi in questa parte dell’Italia centrale. Il protagonista è Antonio Nardi, un calzolaio ex partigiano, ex operaio della Perugina, che odia i tedeschi – ma ha il primogenito che si chiama Germano e la secondogenita che va a vivere a Berlino insieme a Gunther, il suo fidanzato. Il libro, con uno stile in cui si uniscono comicità e lirismo, racconta attraverso l’ottica particolaristica della città di Perugia l’ingresso degli italiani negli anni Novanta. ma è anche un racconto generazionale, in cui genitori e figli maturano, nel sentimento del mondo e nell’agire sociale, una profonda rottura. A seguire gli chef de L’Officina propongono un menù umbro, ispirato al romanzo. Per info e prenotazioni: 075 5721699

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*