UN CAPOLAVORO “DIPINTO” IN UNA NOTTE

Infioratori a Pietra Ligure con il loro capolavoro floreale(umbriajournal.com) CITTA’ DELLA PIEVE – Nemmeno la pioggia ha fermato i maestri infioratori del Terziere Casalino di Città della Pieve, che nella notte precedente la scorsa domenica hanno realizzato il loro tappeto floreale, dando vita con le rappresentanze di altre 34 città all’evento “Pietra Ligure in Fiore”. “Quindici di noi – racconta Matteo Capoccia, vicepresidente del Terziere – sono arrivati nella cittadina del Savonese dove si è svolta la IV edizione della rassegna nazionale delle infiorate artistiche: 800 infioratori, 35 delegazioni da 9 regioni italiane e da 2 città straniere, una bellissima occasione per far conoscere un patrimonio di grande valore culturale e turistico, che contraddistingue molte città italiane, tra cui la città del Perugino”. Alle prime luci dell’alba di domenica 19, gli infioratori del Casalino hanno iniziato a posare i primi petali sul selciato della piazza di Pietra Ligure, terminando l’opera otto ore dopo: “Maria Maddalena” è il titolo del quadro di 21 mq, realizzato con fiori campestri da un bozzetto originale del terziere Casalino: “Il risultato è stato inimmaginabile ed inaspettato, – spiega Capoccia – mai gli accostamenti cromatici sono stati così indovinati e il tappeto floreale così fedele al bozzetto presentato; abbiamo meritato l’apprezzamento del Prefetto di Savona, dell’Assessore al Turismo della Regione Liguria e del Presidente della Provincia di Savona!” Gli ingredienti, oltre alla passione e all’esperienza, sono le principali essenze utilizzate dagli infioratori pievesi: erica, ginestra, fiordaliso, romice crespo. Queste “trasferte” rappresentano un notevole impegno per i contradaioli ma, come spiega il Presidente del Terziere Giuseppe Peciotti, “vengono vissute come prove di dedizione e di valorizzazione nei confronti della manifestazione dell’Infiorata di Città della Pieve, che il Casalino realizza ogni anno la domenica successiva alla festa di San Luigi Gonzaga, quest’anno il 23 giugno”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*