Umbertide, grande successo per le Giornate Fai di Primavera alla Tenuta di Montecorona

giornate fai di primaveraGrande successo per la XXII edizione delle Giornate FAI di Primavera che, ad Umbertide, hanno consentito a cittadini e turisti di visitare la Tenuta e l’Abbazia di Montecorona. Ben 80 gli studenti dell’istituto d’istruzione superiore “Leonardo Da Vinci” che si sono calati nei panni di “apprendisti ciceroni”, dieci i volontari adulti e 593 i visitatori che hanno potuto ammirare le bellezze dell’antico complesso di Montecorona, dove, per l’occasione, è stata allestita anche la mostra fotografica “Un’Azienda…storia, cultura, folklore”. Ancora una volta quindi le Giornate FAI di Primavera si sono confermate come una manifestazione capace di coinvolgere un elevato numero di persone interessate al patrimonio artistico e naturalistico italiano, un incontro tra il FAI e la gente che è stata l’occasione per tutti gli italiani di scoprirsi e riscoprirsi “tifosi” del proprio Paese e delle sue tante bellezze nascoste. Il Gruppo Fai di Umbertide ringrazia quindi tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita dell’iniziativa: il dott. Roberto Zampieri, responsabile di produzione della tenuta di Montecorona, che ha seguito ogni fase dell’organizzazione dell’evento, il parroco di Montecorona don Renzo Piccioni che ha messo a disposizione dei ragazzi le strutture della parrocchia, e con lui Roberta Centogambe e Lucio Cirilli che hanno appositamente pulito la chiesa e il museo; Giuliano Sabbiniani, Elena Cerrini e Cer Office Automation srl che hanno contribuito alla realizzazione della mostra oltre naturalmente all’Azienda Agraria Unipol Sai e a tutte le persone che hanno fornito le fotografie; l’istituto “Leonardo Da Vinci” e la sua dirigente scolastica Franca Burzigotti, che ogni anno riesce a coinvolgere un numero sempre maggiore di studenti, i professori Mariella Tubito, Marco Ubbidini e Birgita Roselletti e tutti gli studenti ed ex studenti della scuola e le ex professoresse Giovanna Ciaccio ed Elena Mariacci.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*