Tra_Me, Giallo Fest Assisi, se la cronaca è nera, più nera è meglio è!

Anche se già nel 2008 era stata fatta a Perugia una cosa simile da titolo “Nero Perugino. Quattro passi nella dimensione del giallo”

Tra_Me, Giallo Fest Assisi, se la cronaca è nera, più nera è meglio è!

Tra_Me, Giallo Fest Assisi, se la cronaca è nera, più nera è meglio è!

di Stella Carnevali
PERUGIA – Tra_Me, Giallo Fest Assisi. Dal 15 al 18 marzo. La prima edizione per attirare gente in città in un periodo di scarse presenze. La sindaco Stefania Proietti e l’assessore alla cultura Eugenio Guarducci con Paolo Mirti e Giacomo Cardarelli, anche padrone di casa.  Infatti il programma è stato presentato alla stampa dal palcoscenico del PostModernissimo di Perugia.

Stella Carnevali

Con un tema simile è impossibile non fare centro. Mi riferisco alla domanda morbosa, a cui corrisponde un’altrettanto copiosa produzione, di format centrati sulla cronaca nera. Più è nera e meglio è. Tanto che programmi Tv e carta stampata, fanno a gara ad illustrare con dettagli autoptici e con retroscena sulla psiche dell’assassino, in modo da fornire persino quali parti del corpo siano state ritrovate o siano state colpite.

E giù commenti di criminologi, non c’è disoccupazione in questa professione, scrittori di genere e giornalisti specializzati che, con trucco e parrucco, fanno passerella fin dal primo mattino.

Il numero più grande di lettori lo troviamo proprio in questo genere e il confine tra questa morbosità e i giallo-noir, sia in letteratura che nel cinema, è davvero labile. L’idea appartiene ad un cittadino assisiate, Leonardo Di Lascia, accolta con entusiasmo dall’amministrazione comunale.

Anche se già nel 2008 era stata fatta a Perugia una cosa simile da titolo “Nero Perugino. Quattro passi nella dimensione del giallo”. Quattro scrittori come Massimo Carlotto che sarà presente anche ad Assisi, Giampiero Rigosi, Grazia Verasani e Michael Gregorio, girando per le strade perugine, in cinque giorni hanno scritto un giallo ciascuno. Poi diventato libro con la presentazione di Giovanna Zucconi. Il tutto  curato del comune di Perugia.

Sapere che c’è un precedente fa andare tutti più sul sicuro. Ma ad Assisi c’è anche il cinema, il Metastasio che, in attesa di restauro, aprirà in quei giorni.

La proiezione di una serie di film a partire dai padri francesi, al giallo gotico di Pupi Avati, fino alle più recenti generazioni di registi come Andrea De Sica e il suo Figli della notte (2017). Serie questa curata da Giacomo Cardarelli.

I fumetti come Dylan Dog il detective dell’incubo.

Insomma i generi ci sono tutti, dai polizieschi, alla criminalità, agli psicothriller.

Paolo Mirti coordina la sezione letteraria arricchita dai cold case della storia e della cronaca.

Non poteva mancare il giornalista Alvaro Fiorucci, ormai navigato scrittore di noir tratti dalla cronaca umbra.

Gli organizzatori dicono che la qualità dei gialli e dei noir, nella letteratura come nel cinema, è diventata tale, da considerare un errore la loro catalogazione nei generi minori della narrativa.

Al contrario ritengo che, quando, e accade spesso, chiedono: Che genere ti piace? Che sia di un film o di un libro. Mi sia più semplice rispondere: un bel film e un bel libro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*