Todi Festival 2017, Allegri e Ciammarughi celebrano Jacopone

Al Nido dell'Aquila il primo atto di Todi OFF, al Ciuffelli la matinée per i più piccoli

Todi Festival 2017, Allegri e Ciammarughi celebrano Jacopone

Mentre al Teatro Comunale si è conclusa la prova generale dello spettacolo di esordio,Grisélidis, memorie di una prostituta con Serra Ylmaz per la regia di Juan Diego Puerta Lopez, in attesa dell’esordio di questa sera, già cresce l’attesa per gli appuntamenti della seconda giornata di Todi Festival.

Al Comunale, lo spettacolo Del folle amore, suoni e parole per fratello Jacopone, l’originale recital omaggio di Eugenio Allegri e Ramberto Ciammarughi a Jacopone da Todi. Le parole e le note del pianoforte rendono omaggio a questa figura nella sua terra natale. Lo spettacolo è una produzione Todi Festival in collaborazione con La Consolazione Etab e Umbria Music Pool.

La giornata di domani, inoltre, segna anche il “debutto” di Todi OFF, lo spin off di Todi Festival dedicato al teatro contemporaneo, curato da Teatro di Sacco, diretto da Roberto Biselli, in collaborazione con Stefania Minciullo e con il supporto organizzativo di Bianca Maria Cola.

CHI E' JACOPONE DA TODI
Jacopo De Benedictis detto Jacopone da Todi (Todi, 1236 circa – Collazzone, 1306) è stato un religioso e poeta italiano venerato come beato dalla Chiesa cattolica. I critici lo considerano uno dei più importanti poeti italiani del Medioevo, certamente fra i più celebri autori di laudi religiose della letteratura italiana. La sua è una “voce vigorosa e sconvolgente”, che si inserisce in modi e forme eccezionali nel contesto della nuova tradizione della lauda. Di Jacopone ci sono giunti, oltre alle Laude (di cui circa 90 di sicura attribuzione e numerose altre incerte), un’epistola latina a Giovanni della Verna, il celebre Pianto della Madonna e lo Stabat Mater, mentre vi sono dubbi su alcuni Detti e su un Trattato sull’amore mistico.

Il progetto si avvale della consulenza e presenza di cinque critici teatrali provenienti di diverse parti d’Italia, Andrea PorchedduSergio Lo GattoAlessandro ToppiFrancesca Romana LinoFrancesca Serrazanetti, che hanno la curatela di sette spettacoli, da loro selezionati e promossi.

Sono inoltre organizzate, in collaborazione con Teatro di Sacco, anche quattro masterclass con quattro significativi maestri del nostro teatro e danza contemporanei: Elena Bucci, Roberto Latini, Michele Sinisi e Giovanna Velardi.

Domani, ore 19, al Teatro Nido dell’Aquila, si inizia con Esilio della Piccola Compagnia Dammacco. Il testo racconta la storia di un uomo come tanti al giorno d’oggi, un uomo che ha perso il suo lavoro. Quest’uomo, interpretato da Serena Balivo en travesti (seconda classificata al Premio Ubu 2016 nella categoria “Nuovo attore o attrice under 35”), insieme al suo lavoro perde gradualmente il proprio ruolo nella società fino a smarrire la propria identità, fino a sentirsi abbandonato e solo, seppure all’interno della sua città, fino a sentirsi finalmente costretto a chiedersi come e perché è finito in tale situazione.

E così gli spettatori possono partecipare al goffo e grottesco tentativo di quest’uomo di venire a capo della situazione dialogando con se stesso, con la sua coscienza, forse con la sua anima o magari con le sue ossessioni.

La giornata inizierà con la mattinée riservata agli spettatori più giovani. In scena Pi…Pi…Pinocchio, spettacolo per attori e figure di Mario Mirabassi, con Claudio Massimo Paternò, Nicola di Filippo, Greta Oldoni, figure di Ada e Mario Mirabassi. L’appuntamento è per le 11 al Teatro Ciuffelli, all’omonimo Istituto agrario.

Nel pomeriggio l’inaugurazione dell’esposizione di Gianni Moretti allo spazio UNU uno nell’unico, ore 18.18, e con il taglio del nastro della mostra di Silvia Ranchicchio allestita ai Portici comunali (ore 18.30).

La scelta di proporre le opere di Gianni Moretti prosegue l’intento di Carlo Primieri, ideatore e curatore dello spazio, di promuovere e valorizzare gli artisti che hanno contribuito allo sviluppo culturali di Todi e dell’Umbria.

Al Nido dell’Aquila il primo atto di Todi OFF, al Ciuffelli la matinée per i più piccoli

Gli Strati Tolti di Silvia Ranchicchio, artista tuderte, che vive e lavora a Milano, racchiude gli ultimi lavori in ceramica, trattata con estrema delicatezza. Le opere sono composte da una molteplicità di strati che rappresentano i tanti livelli che ognuno di noi deve superare per arrivare alla propria essenza.

Todi Festival vi aspetta fino al 3 Settembre 2017!

www.todifestival.it
Facebook, Twitter, Instagram: @TodiFestival
YouTube: www.todifestival/youtube

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*