SOLOMEO, IL TEATRO CUCINELLI PRESENTA “QUARTET”

DEJA DONNE phpto Miha Fras_Uno spettacolo in cui il linguaggio della danza si confronta con quello della musica, superando la tradizionale convenzione dell’accompagnamento. Su questo si concentrerà la serata, tutta dedicata a queste due grandi espressioni artistiche, del 14 marzo presso il Teatro Cucinelli di Solomeo. Un dialogo alla pari che muove da tre importanti partiture del repertorio per quartetto d’archi, intessute di rimandi reciproci: i due quartetti composti nel 1960 da Dmitri Šostakovic e il quartetto n°3 di Alfred Schnittke, ultimo dei capolavori del periodo russo del compositore. Simone Sandroni, coreografo e direttore artistico della compagnia Déjà Donné, vuole creare un rapporto dinamico tra danza e musica, anche attraverso la relazione tra musicisti e danzatori, studiando tutte le possibili connessioni e le molteplici variazioni che possono nascere lavorando con la musica “dal vivo”. Lo scambio diretto tra musica e movimento come il contatto tra musicista e danzatore, creano un’atmosfera piena di energia vitale, appassionante e produttiva, necessaria e fondamentale in ogni processo creativo e contemporaneo.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*