PERUGIA, TEATRO BRECHT, “ALICE” APRE LA STAGIONE

MUTAZIONI_Fontemaggiore_Alice(umbriajournal.com) PERUGIA – Finalmente si comincia, il Teatro Brecht apre le porte pronto ad accogliere il suo pubblico con la stagione di teatro contemporaneo (La Quinta Stagione 2013–2014) e i tanti piccoli spettatori che attendono impazienti la stagione di teatro ragazzi (Teatro di domenica 2013-2014). E si apre con qualcosa di molto speciale.

 

Sabato 2 novembre ore 21.15 e domenica 3 novembre ore 17 andrà infatti in scena “Alice”, il primo spettacolo prodotto dalla scuola di teatro di Fontemaggiore Mutazioni.

Lo spettacolo vede in scena ben 19 attori: persone di diversa esperienza ed età (alcuni di loro adulti, altri bambini o adolescenti), sul palco insieme ad una delle due attrici professioniste che guidano la scuola (Valentina Renzulli è infatti in scena, mentre Beatrice Ripoli ha curato la regia).

 

Come l’eroina di Carroll, anche in questo spettacolo Alice finisce in un mondo “altro” dal suo, ma lo fa volontariamente. Non è una bambina, è un’adulta, ed è in cerca di risposte che il mondo “normale”  non riesce a darle.
Le domande di Alice sono le domande che ci facciamo tutti.
Perché continuo a cambiare? Quale strada devo seguire? Cosa c’è dietro quella porta? Come faccio ad entrare?
Alice inizia così un viaggio iniziatico alla fine del quale diventerà regina e tornerà nel mondo di sopra, perché avrà imparato ad essere libera dal tempo, libera dal senso, ad essere ciò che non è e a non essere ciò che è. Forse.

Raccontano Valentina Renzulli e Beatrice Ripoli: “Alice è una bambina coraggiosa. Questa “Alice” è per noi l’evoluzione di un percorso, forse un temerario esperimento e, infine, una festa. E’ inoltre l’occasione per condividere con il nostro pubblico, quello del teatro ragazzi e del teatro contemporaneo, uno dei tanti volti di Fontemaggiore, quello della formazione teatrale. La scuola Mutazioni è infatti ormai una punta di diamante dell’attività di Fontemaggiore e conta circa 150 iscritti ogni anno tra bambini, adolescenti e adulti.”

 

Per informazioni consultare il sito www.fontemaggiore.it

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*