Mercoledì al Morlacchi di Perugia Eneide

E’ possibile acquistare i biglietti anche on-line sul sito del Teatro Stabile dell’Umbria www.teatrostabile.umbria.it

Mercoledì al Morlacchi di Perugia Eneide

Proseguono le iniziative nate dalle collaborazioni tra il Teatro Stabile dell’Umbria e le maggiori istituzioni culturali della Regione.

In seguito al protocollo d’intesa triennale con l’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci”, da lunedì 11 a mercoledì 13 aprile, al Teatro Morlacchi, l’artista Giancarlo Cauteruccio, docente di scenografia, terrà un laboratorio dal titolo “Lo spazio scenico tra mito e contemporaneità”, nel corso del quale gli studenti approfondiranno le tecniche della macchineria teatrale e la pratica del palcoscenico come luogo dell’illusionismo prospettico nella messa in scena contemporanea.

A conclusione del progetto, mercoledì 13 aprile, alle 21, al teatro Morlacchi andrà in scena lo spettacolo cult del teatro italiano contemporaneo, ENEIDE di Krypton, in una speciale edizione che il regista e interprete Giancarlo Cauteruccio realizza con gli studenti dell’Accademia che hanno partecipato al laboratorio.

Lo spettacolo, che vede l’importante contributo musicale dei Litfiba – Beau Geste e i danzatori performer Martina Belloni, Giorgio Coppone, Marta Tabacco, dopo trent’anni si arricchisce dell’esperienza maturata dagli artisti, del mutato punto di vista delle nuove possibilità tecnologiche e non ultimo di un senso critico verso i linguaggi delle arti sceniche.

In questo allestimento l’energia creativa ed espressiva che dall’opera virgiliana discende di nuovo sui suoi cantori contemporanei, apre ancora una volta un nuovo orizzonte percettivo.

Quel che fu raccontato solo con la musica nella prima edizione, viene oggi interpretato come testimonianza viva del testo virgiliano per conferirgli una nuova vibrazione: la voce di Cauteruccio e la musica di Litfiba – Beau Geste si combinano in un’azione interdisciplinare di forte coinvolgimento sensoriale.

E’ un racconto fortemente contemporaneo che si misura con il tempo presente e si spinge in avanti a indagare nuovi territori scenici e musicali, senza però tradire l’essenza dei brani storici, presenti e sedimentati anche nella memoria degli spettatori.

Una vera e propria scossa di suono, voce, luce attraverso l’immagine digitale e la tridimensionalità del laser.

“Dopo trent’anni torno a confrontarmi con l’Eneide, – racconta Cauteruccio – con gli scenari e gli dei di un mito fondativo per la storia dell’occidente, quello virgiliano, e per la mia ricerca artistica quello del segno tecnologico e elettronico meglio conosciuto attraverso il laser.

Mi ritrovo adesso nella scena, nel tentativo di rivivere il viaggio di un’ opera che ha segnato l’intera mia carriera.

Chiamato dal progetto a offrire la voce alle parole virgiliane, mi vedo nella luminosa scena come un caparbio interprete che si illude di potersi riappropriare di quella materia espressiva esile e leggera, con il mio corpo pesante, goffo e provato dal tempo: improvvisare un improbabile e disorientato direttore d’orchestra, che si ritrova a giocare con il più importante giocattolo della sua vita.

Questa nuova Eneide si trasforma in una immersione emozionale in quelle notti di trent’anni fa trascorse a pensare come affrontare il poema, come fuggire dalle parole per tradurle in immagini e in suoni, con lo sguardo più di un pittore che di un regista.”

Si può prenotare telefonicamente, al Botteghino Telefonico Regionale 075/57542222, tutti i giorni feriali, dalle 16 alle 20. I biglietti prenotati vanno ritirati mezz’ora prima dello spettacolo, altrimenti vengono rimessi in vendita.

E’ possibile acquistare i biglietti anche on-line sul sito del Teatro Stabile dell’Umbria www.teatrostabile.umbria.it.

Mercoledì

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*