Gubbio, al Chiostro di San Pietro: “L’uomo del destino”

uomo destino guerrini(umbriajournal.com) GUBBIO – A Gubbio, per la 53° Stagione estiva di teatro, presso il Chiostro di San Pietro, giovedì 1 agosto alle 21,15, due attori di grande fascino, Orso Maria Guerrini e Cristina Sebastianelli, protagonisti del testo di Yasmina Reza L’uomo del destino.
Due personaggi: un uomo e una donna.
Lui, Paul Parsky scrittore da migliaia di copie vendute, lei, Martha, assidua lettrice dei romanzi di lui.
Si incontrano nello scompartimento di un treno, tragitto Parigi – Francoforte, si incontrano ma non si parlano direttamente per un bel tratto del percorso, sono solo i pensieri detti ad alta voce a raccontarci le loro personalità.

Due esseri umani che pur parlando a se stessi è come si fossero sempre inseguiti nella loro ricerca di un tempo perduto e finalmente trovati.
L’uomo del destino è soprattutto una partitura di sentimenti. La Reza sa descrivere così bene e in profondità le onde emotive dei personaggi che ci conduce con forza verso il mondo di Paul e Martha semplicemente attraverso scarti minimi, emozioni e sussulti dei protagonisti, si desidera così conoscere la loro storia e sapere se le loro solitudini troveranno un approdo.
Si esce da questo “viaggio” da Parigi a Francoforte – metafora del lungo viaggio della vita – con una forte tensione emotiva e insieme la voglia di cambiare.

“Mi piacerebbe riscrivere di un treno – dichiara Yasmina Reza – è un luogo perfetto. Tutto scorre, il suolo, i luoghi, i pensieri. Il mondo si srotola in uno spazio quadrato, senza rumori, senza accadimenti. All’inizio non pensavo di scrivere L’uomo del destino per il teatro. Non era destinato a nulla: solo un testo composto da due monologhi. Un uomo. Una donna. Uno scompartimento. L’idea di una pièce è affiorata quando la parte femminile (la donna sa chi è l’uomo) ha consentito il rivolgersi diretto – anche se segreto – all’uomo. E questo segreto mi è parso di natura teatrale. Si può davvero innamorarsi di qualcuno attraverso la sua opera. Subentra una sorta di connivenza fra le due solitudini. Quasi sempre, irrimediabilmente, l’incontro è deludente o vano. Questa volta per fortuna, l’incontro (o destino) potrebbe essere felice. Tra tutte le mie pièces, L’uomo del destino è di molto la più ottimista.”
Per informazioni e prenotazioni ci si può rivolgere al Servizio Turistico Associato I.A.T. di Gubbio, tel. 075/9220693. In caso di maltempo gli spettacoli verranno effettuati presso il Teatro Comunale.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*