Teatro Cucinelli di Solomeo in scena The Night Dances

Teatro Cucinelli di Solomeo in scena The Night Dances. Sabato 17 ottobre, alle 21, al Teatro Cucinelli di Solomeo, unica data in Italia
Teatro Cucinelli di Solomeo in scena The Night Dances.

Teatro Cucinelli di Solomeo in scena The Night Dances 

Sabato 17 ottobre, alle 21, al Teatro Cucinelli di Solomeo, unica data in Italia per poter vedere The Night Dances, uno spettacolo di rara bellezza interpretato dalla straordinaria attrice inglese Charlotte Rampling. L’artista interpreta con potenza espressiva le poesie di Sylvia Plath, accompagnata dalle note del compositore inglese Benjamin Britten, suonate al violoncello da Sonia Wieder – Atherton.

La musicista racconta: “Ho scoperto Sylvia Plath diversi anni fa, grazie a uno spettacolo basato sulle sue lettere alla madre e interpretato da Delphine e Coralie Seyring. È dunque attraverso la corrispondenza, poi attraverso i diari, infine attraverso la poesia, che sono entrata nel suo universo. Nei suoi diari c’è tutta la sua vita. Perché ha scritto in ogni istante della sua esistenza. I suoi momenti di luce, le sue cadute nel buio, gli incontri, la sua ricerca inesorabile.

Per me leggere i suoi diari è come tastarle il polso, per sentire che accelera e rallenta ogni nuovo giorno. Probabilmente questo è stato il lavoro per giungere a quella poesia che ora ci sta davanti sulla pagina, con la sua forza bruciante.

La sua poesia è un canto, un grido che travalica qualsiasi dato biografico, che pone interrogativi sulla sua vita. Che distrugge per consentire la rinascita. Un’eterna rinascita. Quando Charlotte Rampling ed io abbiamo maturato il desiderio di lavorare assieme, è stata questa la poesia che ho immaginato lei leggesse. Sentivo senz’altro il suo timbro espressivo, lievemente rauco, simile a quello del violoncello, ma soprattutto sentivo che lei, più di chiunque altro, poteva far sua la voce solitaria e radicale di Sylvia.

Poi, intuitivamente, ho pensato a Benjamin Britten. Le sue suites per violoncello solo. Libere e potenti, dalla scrittura così così immaginifica. Sin dalla prima prova una cosa è stata evidente. Era come se il mondo di Britten non avesse paura di quello della Plath. Dei suoi estremi, dei fruscii della sua lingua. Anzi, era il contrario. Lui camminava con lei, tenendola per mano. Precedendola o seguendola nei suoi movimenti ossessivi, nei suoi canti profondi, nei suoi colori infiniti, nei suoi contrasti, perfino nei suoi lampi di umorismo. E nel suo senso della forma.

Alcune cose possiedono una forza propria, la loro logica interna. E vi guidano più di quanto voi possiate guidarle.”. Lo spettacolo è in lingua inglese con sopra titoli in italiano.

Si può prenotare telefonicamente, al Botteghino Telefonico Regionale 075/57542222, tutti i giorni feriali, dalle 16 alle 20. I biglietti prenotati vanno ritirati mezz’ora prima dello spettacolo, altrimenti vengono rimessi in vendita. E’ possibile acquistare i biglietti anche on-line sul sito del Teatro Stabile dell’Umbria www.teatrostabile.umbria.it.

Teatro Cucinelli di Solomeo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*