SPOLETO, MOSTRE PALAZZO COLLICOLA, FINISSAGE PER 2 MOSTRE CURATE DA MARZIANI

Palazzo Collicola
Palazzo Collicola
Palazzo Collicola

(umbriajournal.com) SPOLETO – Finissage sabato 15 marzo  a Palazzo Collicola Arti Visive delle due mostre curate da Gianluca Marziani, che dal 16 dicembre, hanno attirato visitatori.

Ultime ore quindi per godersi due grandi progetti visivi: “Golgota” di Thomas Lange, realizzata in collaborazione con Museum am Dom di Würzburg, a cura di Davide Sarchioni e Gianluca Marziani e “ATOLLO”. La mostra di Lange presenta dipinti, sculture, oggetti e, in esclusiva, anche due interventi site-specific presso la Chiesa SS. Giovanni e Paolo e la Casa Romana.

L’altro progetto è ATOLLO, viaggio espositivo con sette artisti italiani delle ultime generazioni e cioè Stefano Abbiati “Condominio”, Teresa Emanuele “Variazioni”, Mauro Maugliani “Ego Te Absolvo”, Silvia Morani “Paradise Lost”, Francesco Paretti “Artesign” e Nicola Pucci “Full Circle”.

Thomas Lange (Berlino, 1957) è un artista tedesco appartenente alla generazione dei cosiddetti “Giovani Selvaggi” che emerse tra la fine degli anni Settanta e gli inizi degli Ottanta dalla trasgressiva scena underground di ex Berlino Ovest, ancora la “città del muro”, rivendicando una pittura caratterizzata da un’esasperazione gestuale e figurale e da un’immediatezza nella stesura cromatica spinta fino ai limiti di un’esecuzione veloce e trasandata, come reazione alle diverse sollecitazioni e alle tensioni del particolarissimo clima storico, politico e culturale di quegli anni.

Dal 1990 Lange stabilisce il suo atelier in Italia centrale e si interessa sempre più frequentemente ai repertori iconografici del passato e della storia dell’arte, inesauribile fonte d’ispirazione per la sua pittura esuberante ed esplosiva, per un confronto fra Ieri-Oggi-Domani, seguendo un complesso e variegato percorso evolutivo quale intensa riflessione sul significato delle immagini e l’atto stesso del dipingere in relazione al trascorrere del tempo. Nel suo lavoro egli si misura continuamente con passato, presente e futuro per elaborare nuove ipotesi sull’origine e la destinazione ultima dell’uomo, in cui fondamentale è il ricongiungimento al presente e la sua traduzione in immagini.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*