Spoleto, Don Matteo 10 le riprese nella città del Festival dal 3 giugno

SPOLETO – Le riprese a Spoleto della decima serie di Don Matteo inizieranno mercoledì 3 giugno e si protrarranno fino a mercoledì 27 giugno. I blocchi successivi delle riprese, anche se non definiti nel dettaglio, sono in programma sempre a Spoleto nel settembre-ottobre 2015 e poi nel gennaio-febbraio 2016. Dopo il successo di ascolti della nona serie, tra i più alti dell’intera storia della fiction, una delle serie più celebri della televisione italiana, Don Matteo, ha deciso così di estendere l’esperienza con Spoleto proponendo la città del Festival come location principale anche per la sua decima stagione. La popolare fiction in onda su RAI UNO, prodotta dalla Lux Vide, che ha come protagonista Terence Hill nel ruolo del prete-detective, torna per la seconda volta consecutiva nella città del Festival grazie ad un accordo tra il Comune di Spoleto, l’Associazione albergatori (CONSPOLETO) e la CONFCOMMERCIO, che forniranno supporto logistico ed organizzativo alla produzione. Le riprese cominceranno il 18 maggio a Roma. A Spoleto dal 3 giugno, oltre alle location principali della città, come Piazza Duomo, Ponte delle Torri, Sant’Eufemia, già immortalate nella scorsa stagione, sono previsti, per questo primo blocco di riprese, anche luoghi, monumenti e scorci mai utilizzati; tra questi il Teatro Nuovo “Gian Carlo Menotti”, luogo icona del Festival dei 2 Mondi e palcoscenico di eventi che hanno fatto la storia della kermesse e dello spettacolo del ‘900 e la cui sala interna “XVII Settembre” farà da cornice ad una scena di ballo, di cui si sono svolti proprio oggi i provini per le comparse. In questo primo blocco di riprese un’altra possibile location finora mai utilizzata nella fiction potrebbe essere il Complesso Monumentale di San Nicolò. Don Matteo, prodotto da Lux Vide e Rai Fiction e in onda su Rai1, è un format di successo tutto italiano andato in onda la prima volta il 7 gennaio 2000. La serie negli anni è stata apprezzata in tutto il mondo, dalla Francia alla Finlandia, dall’America all’Australia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*