Sara Sargentini la vincitrice del Concorso di Idee Carlo Pedini

Il Concorso di Idee rappresenta una buona prassi, ma anche la volontà di coinvolgere la gente nell’abbellire la propria città

Sara Sargentini la vincitrice del Concorso di Idee Carlo Pedini
radiophonica.com foto

Sara Sargentini la vincitrice del Concorso di Idee Carlo Pedini

da Noemi Campanella
E’ Sara Sargentini la giovane vincitrice del Concorso di Idee dedicato alla memoria di Carlo Pedini (fu Direttore per otto anni di Ater Perugia), indetto da Ater Umbria, con la collaborazione dell’Accademia di Belle Arti di Perugia e dall’Associazione a lui dedicata, per la realizzazione di una formella da apporre in una facciata del Complesso Monumentale degli Sciri. La cerimonia si svolgerà sabato 28 novembre alle ore 11, presso il Complesso Monumentale degli Sciri, a Perugia, alla presenza, tra gli altri: del Commissario di Ater Umbria, Alessandro Almadori, di Maria Grazia Ricci, già Consigliere di Amministrazione di Ater Umbria, dei rappresentanti delle istituzioni e dell’Accademia di Belle arti, dell’autrice dell’opera e dei familiari di Carlo Pedini.

Il Concorso di Idee rappresenta una buona prassi, ma anche la volontà di coinvolgere la gente nell’abbellire la propria città. Dal canto suo, l’Accademia di Belle Arti di Perugia, ha inteso valorizzare le capacità artistiche, ideative e creative dei suoi studenti. L’iniziativa è nata dalla volontà di ricordare Pedini e di tornare alla tradizione che fu inaugurata dal piano INA-Casa, che prevedeva di far apporre su tutti gli edifici realizzati, le targhe in ceramica, per le quali erano stabilite le misure, la posizione e i prezzi massimi ed erano una delle condizioni necessarie per il rilascio del certificato di collaudo. Alcune portano firme eccellenti come: Alberto Burri, Duilio Cambellotti, Tommaso Cascella, Pietro De Laurentiis e Piero Dorazio. Un fatto questo che potrebbe essere di buon auspicio per Sara Sargentini, giovane artista, vincitrice del Concorso di Idee. A giudicare la migliore formella, degna di rappresentare la Torre degli Sciri, è stata una commissione di esperti, tra una rosa di quattro progetti di studenti dell’Accademia. L’opera vincitrice è in ceramica e richiama in maniera generica il concetto di casa.

Concorso

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*