“Quelli del 65” a Castiglione, un calendario per la chiesa di San Domenico

Non solo divertimento per i cinquantenni castiglionesi

“Quelli del 65” di Castiglione, un calendario per la chiesa di San Domenico

Un momento della presentazione
Un momento della presentazione

Quando l’amicizia, il divertimento e la voglia di stare insieme si unisce alla cultura, alla salvaguardia dell’arte e delle tradizioni storiche e religiose. Questo succede a Castiglione del Lago con l’iniziativa del gruppo castiglionese “Quelli del 65” che, dopo aver festeggiato a novembre 2015 i “primi 50 anni“, ha deciso di realizzare un calendario i cui proventi andranno interamente alla Confraternita di San Domenico, il sodalizio religioso che gestisce i beni contenuti nell’omonima chiesa di Castiglione del Lago.

Il Calendario 2016, realizzato fra la fine dell’anno e la fine di gennaio, è stato presentato ufficialmente la scorsa settimana alla libreria Libri Parlanti di Castiglione del Lago. Un pomeriggio introdotto da Monica Fanicchi, una delle titolari della libreria, a cui ha preso parte Maida Pippi, presidente e fondatrice di “Azzurro per l’Ospedale”, Antonio Pagnotta per la Confraternita di San Domenico e Gabriele Olivo rappresentante del folto gruppo “Quelli del 65“, presenti in massa alla presentazione e definiti da Monica Fanicchi: «I “ragazzi” più “chiacchierati” del momento a Castiglione, ragazzi che hanno avuto questa magnifica iniziativa, la prima di questo livello fra i cinquantenni».

Ma le vere protagoniste del pomeriggio in libreria sono state le due associazioni: Azzurro per l’Ospedale che con il ricavato della festa del 28 novembre ha ricevuto un assegno di 415 euro e potrà acquistare delle sedute, distinte per colore, da collocare negli spazi antistanti gli ambulatori e all’ingresso del Pronto Soccorso di Castiglione del Lago. Poi l’antica Confraternita di San Domenico, fondata nel 1638 e nata insieme alla costruzione della chiesa, che userà i fondi ottenuti dalla vendita del calendario per alcuni interventi in cantiere all’interno della chiesa di San Domenico, come la sistemazione del pavimento e la ricostruzione della cantoria.

«San Domenico è nel cuore di noi castiglionesi – ha detto Pagnotta – ed è stata costruita per precisa volontà della duchessa Eleonora de Mendoza, moglie del duca Fulvio Ascanio della Corgna. La Confraternita ha come obiettivi principali la santificazione di Confratelli, l’esercizio del culto pubblico e la promozione di opere di carità fraterna. Promuove iniziative per la formazione religiosa dei soci, dà incremento alle manifestazioni del culto pubblico e della pietà popolare soprattutto nelle feste tradizionali. Il patrimonio artistico e architettonico che proteggiamo e valorizziamo è di tutti noi, di tutti i castiglionesi: ringrazio quindi i “ragazzi” del 65 per questa splendida idea».

Calendario Quelli del 65 pag 6 L«Organizzare queste iniziative – hanno detto Quelli del 65 – come la festa in discoteca, fare le foto per il calendario, anche al gelo in riva al lago il 6 gennaio, e oggi la festa di carnevale e poi decidere di aiutare concretamente due importanti realtà castiglionesi, è stato molto divertente per noi e crediamo utile per la collettività. Un’occasione per ritrovarsi insieme anche dopo 40 anni, rinnovare vecchie amicizie e farne anche di nuove». Da sottolineare l’apporto artistico del fotografo Giorgio Brusconi, anch’egli componente e animatore del gruppo

Il Calendario 2016 “Quelli del 65” è in vendita presso le principali edicole del territorio castiglionese e presso la libreria Libri Parlanti al prezzo di 10 euro: tutto il ricavato, dedotte le spese di stampa e di distribuzione, sarà devoluto alla Confraternita in una cerimonia pubblica che si terrà nella chiesa di San Domenico e che verrà fissata nei prossimi giorni.

Quelli del 65

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*