PERUGIA NELLE MEMORIE, PALAZZO DELLA PENNA, INCONTRO CON MIMMO COLETTI

Mimmo Coletti
Mimmo Coletti
Mimmo Coletti

(umbriajournal.com) PERUGIA – Sono state molteplici e variegate le occasioni di raccontare negli ultimi anni, attraverso le fotografie, le trasformazioni che hanno interessato Perugia a partire dall’Unità d’Italia per arrivare fino ai giorni nostri.

Mimmo Coletti, docente e critico d’arte, oltre che giornalista, scrittore e osservatore attento della realtà cittadina, traccerà una sintesi di alcune tra le più importanti di queste narrazioni per immagini tenutesi a Palazzo Penna dal 2010 e culminate nel 2012 con la nascita dell’Archivio della Memoria Condivisa di Perugia, infrastruttura culturale permanente promossa dall’Assessorato alla Cultura e alle Politiche Sociali del Comune di Perugia affinché con l’esposizione e la divulgazione non andasse perduto il patrimonio iconografico e documentario della storia comune della città.

Per l’occasione verranno quindi riproposte e commentate, in un racconto in parte autobiografico, immagini significative di cronaca, arte, storia, urbanistica, ecc… entrate nell’immaginario collettivo della città, oltre a fotografie di vita quotidiana che metteranno in evidenza il rapido cambiamento dei costumi, dei luoghi, delle abitudini, delle persone.

La narrazione avrà inizio dalla mostra “Fotoreporter Perugia – Perugia 1978/2010”, curata da Alvaro Fiorucci, Federico Fioravanti e da Alberto Mori (21 marzo/16 maggio 2010) e incentrata sulla storia recente vista dai fotoreporter della cronaca locale; si proseguirà poi con “La memoria nei cassetti – Perugia 1944/1970”, curata da Alberto Mori (27 novembre 2011/4 marzo 2012), che esplorava il periodo intercorso tra la Liberazione di Perugia e la nascita della Regione Umbria. Seguirà infine l’attuale mostra “Perugia in cammino – storie che fanno la storia”, curata da Alberto Mori con la collaborazione di Luigi Petruzzellis (visitabile fino al 6 aprile), con la quale si chiude un ciclo. Ingresso libero

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*