Wilson chante Montand, al Teatro Cucinelli martedì 20 dicembre

Un concerto jazz e, al contempo, una prova d’attore

Wilson chante Montand, al Teatro Cucinelli martedì 20 dicembre

Wilson chante Montand, al Teatro Cucinelli martedì 20 dicembre
da Francesca Torcolini
SOLOMEO – In esclusiva per l’Italia al Teatro Cucinelli di Solomeo, martedì 20 dicembre, alle 21, un evento di portata internazionale: dopo il debutto di novembre scorso a Monte Carlo, Lambert Wilson, uno dei più popolari e apprezzati attori francesi, presenta Wilson chante Montand.

Un concerto jazz e, al contempo, una prova d’attore, il poliedrico artista ci restituisce il suono e la personalità di un altro celebre protagonista della scena internazionale, Yves Montand: trenta brani arrangiati da Bruno Fontaine e sei musicisti sul palco per apprezzare grandi classici come Les feuilles mortes, A Paris, La bicyclette, Les Grands Boulevards o Syracuse, ma anche alcune rarità come Les Bijoux, composta da Leo Ferré su una poesia di Charles Baudelaire. Wilson ha affidato il progetto e la regia dello spettacolo a Christian Schiaretti, Direttore del Théâtre National Populaire di Villeurbanne.

Wilson aveva già fatto qualche incursione nel repertorio di Yves Montand all’epoca dei suoi primi spettacoli musicali, negli anni 90. E aveva a lungo accarezzato l’idea di montare uno spettacolo con le sue canzoni. Ma il suo lavoro d’attore cinematografico prima e le commedie musicali che lo hanno visto protagonista allo Châtelet a Parigi poi, avevano avuto il sopravvento.

Infine Wilson ha potuto finalmente accettare la proposta dell’etichetta Sony Classical per un progetto tutt’intorno a Montand. L’album è nato grazie alla complicità di Lambert con il pianista e arrangiatore Bruno Fontaine, con cui ha molto lavorato in «On connaît la chanson», il film d’Alain Resnais.

Oggi quello che ci aspetta è quasi un film più che un semplice concerto. Yves Montand e Lambert Wilson sono entrambi baritoni leggeri, hanno una tessitura e un timbro vocale molto simili ma, soprattutto, condividono la stessa passione per la parola. Lo spettacolo oltre a ripercorrere il repertorio canoro di Yves Montand, attraverso i testi, la poesia e la musica, delinea il ritratto di quell’immigrato italiano, figlio della classe operaia, pieno di talento e di ambizione, divenuto una vera e propria icona del XX secolo, che per anni ha incantato le platee di tutto il mondo senza effetti spettacolari, senza contorno di coristi e ballerini, solo con la sua voce e il suo corpo.

Si può prenotare telefonicamente, al Botteghino Telefonico Regionale 075/57542222, tutti i giorni feriali, dalle 16 alle 20. I biglietti prenotati vanno ritirati mezz’ora prima dello spettacolo, altrimenti vengono rimessi in vendita.

E’ possibile acquistare i biglietti anche on-line sul sito del Teatro Stabile dell’Umbria www.teatrostabile.umbria.it.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*