‘VisionAria’ a Perugia conoscere il linguaggio, Concepire le idee, Contaminare le arti

obiettivi principali quello di creare sinergie fra le arti, unendo musica e poesia

‘VisionAria’ a Perugia conoscere il linguaggio, Concepire le idee, Contaminare le arti

VisionAria’ a Perugia conoscere il linguaggio, Concepire le idee, Contaminare le arti PERUGIA – “C’è aria di nuove visioni sulle arti”: si presenta così la rassegna ‘VisionAria’ che stamani (mercoledì 1 febbraio) è stata presentata a Perugia nella sala libreria di Umbrò. Conoscere il linguaggio, concepire le idee e contaminare le arti sono i temi caratterizzanti della prima edizione di una rassegna di eventi che punta ad appassionare un pubblico sempre più interessato alla contaminazione e alle avanguardie. ‘VisionAria’ è organizzata dall’Associazione Culturale ‘Piano Solo’ con il contributo della Fondazione ‘SergioPerLaMusica’, grazie ad una collaborazione tra le due realtà iniziata alcuni mesi fa.

 La rassegna, con la direzione artistica di Alessandro Deledda (pianista compositore e direttore della Scuola di Musica ‘Piano Solo’), si pone fra gli obiettivi principali quello di creare sinergie fra le arti, unendo musica e poesia (grande interesse ha suscitato il primo evento d’anteprima da Umbrò lo scorso 3 dicembre con l’incontro tra il poeta Vincenzo Costantino “Cinaski” e i musicisti Alessandro Deledda al pianoforte e Roberto Piermartire alla tromba), performance audio-video ed estemporanea musicale, canto e narrazione, conferenze e dimensione concertistica, musica classica e avanguardia, scienza e musica, cineforum e arti digitali.

Un “cantiere aperto” di eventi ed iniziative che si succederanno in diverse location dal 4 febbraio all’11 giugno, con tappe presso i locali della Scuola di Musica “Piano Solo”, la sala concerti di  Umbrò  e Isola Maggiore.

 Personaggio eclettico, Deledda ha voluto coinvolgere nell’organizzazione del festival studenti e docenti della scuola, che si sono occupati di vari aspetti: dai contenuti artistici alla grafica della rassegna, interamente ideata dall’artista e pianista Giuseppe Carbone, fino allo speciale contributo a cura dei ragazzi del dipartimento di Tecnologie Musicali e Arti digitali, fiore all’occhiello della scuola e unico in Umbria con trainer certificati.

“La rassegna – ha affermato Deledda – nasce dall’esperienza maturata dalla Scuola e grazie all’incontro con la Fondazione SergioPerLaMusica che ha un presidente visionario come Virgilio Ambroglini”. “Questa iniziativa – ha commentato Ambroglini – rientra nell’obiettivo che ci eravamo prefissati con l’idea di realizzare una sorta di ‘Università del Suono’. La sintonia con la scuola di musica di Deledda ha permesso di avviare un percorso di questo tipo. E grazie all’iniziativa di VisionAria pure all’Isola Maggiore, anche il festival Moon in June di giugno avrà così un’anteprima davvero suggestiva”.

 GLI APPUNTAMENTI

Cineforum Per gli appassionati di cinema, da sabato 4 febbraio partirà il progetto Cineforum. Il primo dei tre appuntamenti previsti è la proiezione del film ‘Piano Solo’, la storia di Luca Flores, presso la sala conferenze della scuola di musica che si trova in via Settevalli a Perugia.

 Rassegna presso Umbrò Molti gli artisti di spessore invitati alla rassegna vera e propria, il cuore di VisionAria, che si svolgerà da Umbrò.

Il primo appuntamento in programma è per giovedì 9 febbraio con un evento esperienziale da non perdere, in prima assoluta mondiale: ‘L’estemporanea musicale nella biodinamica craniosacrale’, condotto da Cristiano Reali e Angelo Salaris. L’avvio quindi sarà con una estemporanea pianistica basata sul concepimento celebrare delle arti.

Giovedì 23 febbraio la rassegna propone un viaggio sulla vita e la musica del trombettista americano Chet Baker. ‘Chet c’è’ è un lavoro teatrale dai toni soffusi, che richiama l’atmosfera dei jazz club americani dell’epoca: interpreti, la voce dell’attore Enzo De Caro e la chitarra di Antonio Onorato. L’evento è organizzato in collaborazione con Fabio Giacchetta e R3 produzioni, a testimonianza di una grande sinergia per lo sviluppo culturale del territorio umbro tra Piano Solo e altre entità.

Il 30 marzo toccherà ad Odicon Vocal quartet di Maria Grazia Pittavini che si esibirà su poesie di Neruda, Garcia Lorca e altri autori sudamericani per creare un ponte tra Spagna e Sudamerica.

Il 22 aprile sarà la volta del prestigioso quartetto di sassofoni Arundo Donax di Pietro Tonolo, Mario Raja, Rossano Emili, e Pasquale Laino.

A maggio si terrà invece una speciale conferenza-concerto a quattro mani sulle musiche di Sting, rivisitate in chiave postmoderna, eseguite da due pianisti di grande spessore quali Gianluca Podio e Alessandro Bravo, che andranno a integrarsi con la presentazione della rockstar a cura del prof. Roberto Grisley (docente di Storia della Musica al Conservatorio Morlacchi di Perugia).

 Anteprima Moon in June ‘VisionAria’ sbarcherà poi a Isola Maggiore domenica 11 giugno con 80 allievi della Scuola di Musica ‘Piano Solo’ che si distribuiranno in vari posti dell’Isola nell’ambito di una giornata-presidio, interamente dedicata alla musica e alle arti. Si partirà la mattina da una delle sette chiese dell’Isola, dove verrà eseguita la breve opera di  Bob Chilcott “A little jazz mess”, costituita nelle parti canoniche fisse della messa, in stile swing/jazz, a cura del giovane coro femminile della Corale Alboni di Città di Castello e alcuni musicisti della scuola.

Per le strade sarà protagonista lo street ensemble di percussioni a cura del Maestro Peppe Stefanelli. Il dipartimento di Musica Elettronica e Arti Digitali, a cura dei docenti Federico Ortica e David Giacchè, si cimenterà in una grande performance di installazione audio-video nell’area adiacente il molo, mentre al tramonto pianisti e chitarristi (delle classi dei docenti David Pieralisi e Alessandro Deledda) si alterneranno alle esibizioni dei cantanti seguiti dai docenti Luca Pitteri, Chiara Giudice, Luca Michelsanti e Andrea Mingione. La giornata rappresenterà un evento unico in prima assoluta, realizzato in collaborazione col Comune di Tuoro sul Trasimeno e come anteprima del festival Moon in June in programma dal 23 al 25 giugno 2017.

 Scuola di Musica “Piano Solo”

L’Associazione Culturale Scuola di Musica “Piano Solo” nasce nel 2009 da un’idea di Alessandro Deledda, presidente fondatore e direttore Artistico.

Nel corso degli anni, la Scuola (dedicata al pianista Luca Flores) diventa un affermato punto di riferimento e formazione di tanti giovani talenti. Grazie a un team di insegnanti altamente qualificati, Piano Solo si pone fra gli obiettivi principali l’inserimento dei propri studenti nel mondo dello spettacolo, fornisce un’adeguata preparazione per gli esami di ammissione ai Conservatori di Musica o altri istituti parificati, introduce i bambini all’avvicinamento alla musica attraverso la propedeutica e i laboratori aperti, propone un’offerta formativa idonea e adatta esclusivamente al profilo e alle aspettative di ogni allievo, ai fini del raggiungimento della propria crescita artistica.

L’apprendimento e l’alto perfezionamento della conoscenza e tecnica strumentale, la prassi esecutiva attraverso i laboratori di musica d’Insieme, il consolidamento del proprio profilo artistico attraverso l’apprendimento delle varie discipline, i laboratori di tecnologie musicali, laboratori ritmici e tecnica vocale, a supporto della creazione di un proprio progetto discografico, fanno della Piano Solo una scuola moderna e all’avanguardia, tra le più richieste nel territorio. Una delle missioni più importanti dell’associazione è l’organizzazione di eventi esterni alla sede operativa, che si susseguono durante l’anno accademico (quali l’ormai esclusivo e famoso concerto di fine anno), donando prestigio alla scuola e ai ragazzi e contribuendo al loro inserimento nel mondo professionale, a testimonianza del lavoro di equipe svolto con passione e dedizione durante un intero anno.

Dal 2016 “Piano Solo” ha formalizzato un accordo strategico con la Fondazione “Sergio per la Musica”, la cui partnership contribuirà sensibilmente alla creazione di percorsi didattici e di eventi volti allo sviluppo culturale del territorio.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*