UmbriaMusicFest International, al via la 15esima edizione

di Luana Pioppi
Perugia – “Classic&jazz”: è questo il titolo del concerto di apertura della 15esima edizione di “UmbriaMusicFest International”, in programma dal 12 al 22 settembre. La kermesse, ideata e diretta dal maestro di fama internazionale Walter Attanasi, prenderà il via venerdì 12 settembre alle ore 21 presso il Teatro Morlacchi di Perugia. Saliranno sul palco il maestro Attanasi, il pianista jazz Danilo Rea e l’Orchestra da Camera Czech Virtuosi (direttore artistico K. Procházka).

Il concerto, un divertissement unico nel suo genere, nasce dall’incontro e dalla concertazione di due musicisti affermati, molto curiosi e provenienti da due mondi apparentemente diversi: il classico ed il jazz. Si tratta, per l’appunto, del maestro Walter Attanasi, direttore d’orchestra di fama internazionale, e di Danilo Rea, uno dei pianisti più importanti del panorama Jazzistico italiano.

La loro idea trae origine da una piccola particolarità: il verbo “suonare” in quasi tutte le lingue significa “giocare”. Da qui, come per un autentico gioco, ognuno nel rispetto del linguaggio dell’altro ha ideato questo programma. Una sorta di ludica dissertazione sulla possibilità di verificare quanto possa essere armonioso e divertente l’inserimento di un “commento”, di un’improvvisazione jazz all’interno di un’attenta  lettura filogica di un repertorio classico, ovviamente con gli accorgimenti “tecnici” atti all’operazione.

Ad impreziosire l’iniziativa c’è la collaborazione della prestigiosa orchestra Czech Virtuosi, in una cornice spettacolare come il Teatro Morlacchi di Perugia, coinvolta in un’attività creativa   che unisce artisti di varie nazionalità nel puro gioco della musica.

Il concerto è organizzato in collaborazione con il Comune di Perugia ed Italia Arte Fest. La serata è a sostegno della candidatura “Perugia2019 con i luoghi di Francesco d’Assisi e dell’Umbria”, città candidata a capitale Europea della Cultura 2019.

I PROSSIMI APPUNTAMENTI – La 15esima edizione di “UmbriaMusicFest International”, che gode del patrocinio e del sostegno della Regione Umbria, proseguirà sabato 20 settembre con un concerto in programma presso casa Menotti a Spoleto e domenica 21 settembre presso il Chiostro di Massa Martana. Si concluderà lunedì 22 settempre, presso l’Università per Stranieri di Perugia, con un’esibizione organizzata in collaborazione con Penelope, associazione nazionale delle famiglie e degli amici delle persone scomparse.

 

Walter AttanasiWALTER ATTANASI – Nato a Trieste, è considerato uno dei più interessanti direttori d’orchestra della sua generazione ed è spesso invitato a dirigere repertori sinfonici e operistici per diversi e prestigiosi enti, teatri, fondazioni e festival internazionali: il Teatro alla Scala di Milano, l’Arena diVerona, il San Carlo di Napoli, l’Opera di Roma, il Comunale di Firenze,il Teatro lirico di Cagliari, il Festival dei Due Mondi di Spoleto, il Musikverein e la Konzerthaus di Vienna, la Staatsoper di Amburgo, il Colon di Buenos Aires, l’Opera de Bellas Artes di Città del Messico , Rudolfinum e l’Opera Nazionale di Praga, la Filarmonica di Vilnius, l’Opera di Budapest, la Royal Opera House di Stoccolma, diverse sale da concerto in Giappone, lo SA State Theatre Opera House di Pretoria (Tshwane), etc.

Nel 2004 ha diretto il Concerto di Capodanno in diretta televisiva dal Quirinale per i 50 anni della RAI, su richiesta del Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi. Nel febbraio 2005 è stato invitato a tenere il Concerto Celebrativo per i 700 anni dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza, dirigendo La Creazione di Joseph Haydn e nel 2008 alla Royal Opera House di Stoccolma, alla presenza dei reali di Svezia, ha diretto La Cenerentola di Rossini. Nel dicembre 2013,  in  occasione del bicentenario della nascita di R.Wagner,  é stato invitato a Vilnius per dirigere in forma di concerto “Tristan und Isolde”(secondo atto) in prima esecuzione assoluta per la Lituania; concerto ufficiale di chiusura della Presidenza della Lituania al Consiglio dell’Unione Europea .

La sua vasta discografia include Stabat Mater di Gioacchino Rossini, tutte le Sinfonie di Beethoven, registrazioni di Leoš Janáãek e Antonín Dvorák. Per Companions Opera ad Amsterdam ha inciso in DVD Nabucco. Ha registrato inoltre per Radio 3 Rai le opere Il castello di Barbablù di B. Bartok e Djamileh di G. Bizet e per la Radio Televisione Slovacca il Requiem di Verdi in DVD. La sua versalità lo ha portato a collaborare anche con grandi del jazz quali Diane Reeves a Umbria Jazz e Quincy Jones, Stefano Di Battista e Roberto Gatto al Global Forum di Roma. Ha inoltre diretto Liverpool Oratorio di Paul McCartney e un DVD con Tarja Turunen.

È stato direttore musicale del Todi Musi c Fest – USA in Virginia e Artistic Project Director di Opera Africa a Pretoria – Johannesburg. Attualmente è direttore del Festival UmbriaMusicFest  International , e Direttore Ospite Principale della Bohuslav Martinu Philarmonic Orchestra, una delle orchestre sinfoniche piu’ prestigiose della repubblica ceca.

 

danilo rea ad assisi (11)DANILO REA – Nato nel 1957, si trasferisce a Roma sin da piccolo e consegue il diploma di pianoforte al Conservatorio di Santa Cecilia, debuttando nel 1975 nella musica jazz con il Trio di Roma (Enzo Pietropaoli e Roberto Gatto).
Si fa strada nell’ambiente jazzistico sino a suonare con alcuni tra i più grandi solisti statunitensi, come Chet Baker, Lee Konitz, John Scofield, Joe Lovano. Nel 1989 partecipa al lavoro di Roberto De Simone, Requiem per Pier Paolo Pasolini, rappresentato al teatro San Carlo di Napoli per la direzione di Zoltan Pesko; nello stesso anno pubblica assieme a Roberto Gatto il disco Improvvisi.
Nel 1997 dà vita, con il contrabbassista Enzo Pietropaoli e il batterista Fabrizio Sferra ai Doctor 3, un trio che da un decennio calca i più importanti palcoscenici del jazz italiani. Il suo disco The Tales of Doctor 3 viene premiato miglior disco di jazz italiano nel 1998, mentre il lavoro successivo The songs remain the same vince il titolo di miglior disco jazz di Musica&Dischi nel 1999.
In Italia sono numerose le sue performance nell’ambito del pop, come pianista di fiducia di artisti quali Mina, Claudio Baglioni, Pino Daniele e come collaboratore, tra gli altri, di Fiorella Mannoia, Gianni Morandi e Adriano Celentano. Nel 2006 prende parte al Concerto per l’Europa, sull’isola di Ventotene, che lo vede protagonista assieme a Baglioni, Nicola Piovani e Luis Bacalov.
Nella stagione 2007-2008 partecipa allo spettacolo Uomini in frac insieme ad altri musicisti come Peppe Servillo, Fausto Mesolella, Mimì Ciaramella degli Avion Travel, Fabrizio Bosso, Furio Di Castri, Javier Girotto, Gianluca Petrella e Cristiano Calcagnile. Lo spettacolo è stato allestito al Teatro Asioli di Correggio per festeggiare i cinquant’anni di Nel blu dipinto di blu e per l’occasione il gruppo esegue alcune canzoni di Domenico Modugno.
Le sue improvvisazioni, che spaziano su qualsiasi repertorio, sono apprezzate durante i concerti che tiene nelle tournée in giro per il mondo e durante i principali festival jazz.
Nel 2009 è uno dei 70 artisti ospiti del doppio cd di Baglioni, Q.P.G.A., dove Rea suona il pianoforte nella canzone “Centocelle”. Nel 2010 crea le musiche per lo spettacolo “Commedia” di e con Giorgio Barberio Corsetti. I video sono di Cristian Taraborrelli.
Il 15 giugno del 2011, insieme a Paolo Damiani e Rashmi V. Bahtt, al crepuscolo, ha improvvisato un memorabile concerto sui tetti di Roma. l’intero incasso è stato devoluto ad Emergency, la ONLUS di Gino Strada.Nel 2014 e’ stato ospite al Festival di San Remo con Gino Paoli , ha recentemente debuttato a Tokyo con un recital ed a Praga con il Maestro Attanasi in “classic&jazz”.

 

Czech VirtuosiCZECH VIRTUOSI – L’Orchestra da Camera Czech Virtuosi (direttore artistico K. Procházka) è stata fondata e ha cominciato la sua attività concertistica nel gennaio 1998. Il gruppo è costituito dalle prime parti, incluso il primo violino, sia della orchestra Filarmonica di Brno che dell’orchestra dell’Opera Janáček di Brno e costituisce una delle eccellenze nel panorama musicale ceco. Il repertorio se pur in prevalenza verta su Mozart e il periodo classico, include anche le opere dal barocco ad oggi, non solo sinfoniche, ma anche di musica sacra (cantate e oratori) e molta musica operistica. I Czech Virtuosi sono regolarmente ospiti di prestigiosi festival cechi e internazionali (Austria, Francia, Belgio, Spagna, Polonia, Germania, Olanda, Belgio e altre). Tra i concerti di maggior successo ricordiamo il Konzerthaus di Vienna, Monaco, Salisburgo e la tournée in Giappone. Con questa compagine collaborano strumentisti, cantanti d’opera e direttori famosi da tutto il mondo ed ha inoltre una intensa attivita’ discografica. Il pubblico e la critica apprezzano molto la purezza di stile, il colore, la perfetta armonia e la musicalità spontanea di questa orchestra di virtuosi.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*