UmbriaEnsemble sabato prossimo concerto a Taranto con “Quartetto Viotti”

UMBRIAensemble
UMBRIAensemble

Il secondo appuntamento del neonato Quartetto Viotti è a Taranto, Sabato 21 Marzo alle ore 19.30, nella Sala Paolo VI in via Regina Elena, pieno centro della “Città dei due Mari”. Recentissimo è stato il debutto del Quartetto a Perugia, appena lo scorso Dicembre, quando la formazione cameristica guidata da Franco Mezzena, primo violino, con Nancy Barnaba violino secondo, Luca Ranieri alla viola e M. Cecilia Berioli al violoncello, venne salutata dalla stampa nazionale con toni ben più che lusinghieri, esaltando le qualità espressive del Quartetto Viotti (“…un suono che incanta. Un suono perlato, arioso, frizzante e caldo, emozionante”) e mettendolo subito in diretto confronto con le più autorevoli figure della tradizione cameristica italiana come il leggendario Quartetto Italiano.

Il progetto artistico che UmbriaEnsemble presenta è costruito intorno alla figura di Gian Battista Viotti, grande esponente della scuola violinistica italiana e personaggio dai contorni leggendari per le vicende biografiche che ce lo presentano, oggi, come un uomo straordinariamente moderno, cosmopolita, inquieto, artista sospeso tra la classica compostezza formale delle sue partiture, elettrizzate tuttavia da un virtuosismo estremo, ed il pathos tutto romantico delle sue vicende personali. Del grande violinista piemontese verranno eseguite le opere giovanili ed i capolavori della maturità, a testimoniare il percorso artistico vivace e mai banale di una fondamentale figura della scuola violinistica italiana la cui opera – in particolare il corpus quartettistico –  attende ancora di essere adeguatamente studiata e valorizzata.

A seguire l’appuntamento pugliese, il Quartetto Viotti si esibirà in Aprile in Piemonte, in Maggio a Roma e dunque in altre città italiane fino a coronare il “Progetto Viotti” con una prestigiosa operazione discografica articolata su più CD destinati alla  distribuzione mondiale.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*