Umbria Jazz, soul e r&b di John Legend

concerto John Legend (16) (umbriajournal.com) PERUGIA – Stasera all’Arena di Santa Giuliana si è esibito uno dei nomi più acclamati del soul statunitense: John Legend,   uno dei più talentuosi e innovativi cantautori black apparsi sulla scena negli ultimi anni.

Il clima  è subito caldo, il pubblico riserva un’accoglienza molto calorosa a John Legend, standing ovation per accogliere  sul palco della “leggenda” del soul che ha sancito la cifra del suo successo in base a quel sapiente mix composto oltre che di musica dell’anima, di R&B e di hip hop. Le note sinuose e calde del “Tonight”  impostano subito una relazione diretta con il pubblico dell’arena.

“Legenda” del soul, ottimo arrangiatore, con il suo stile elegante e old fashion è stato molto apprezzato dal pubblico, con la facilità estrema riesce a  fondere il sentimento della vecchia scuola del soul con il sapore tagliente dei ritmi hip hop e del moderno r&b. Il soprannome Legend è un’invenzione di un amico di Chicago, che ritiene che le melodie del giovane John assomiglino molto a quelle degli artisti vecchio stile. Con il suo ultimo singolo di successo è il brano “Who Did That to You”,  inserito come lead single nella colonna sonora del film di Quentin Tarantino “Django Unchained” cambia il scenario, e dallo sfondo del palco su cui campeggia l’immagine di tre grandi garofani tutto diventa più soffuso mentre il soulman fa riferimento al suo impegno pacifista con una versione per solo piano e voce di “Who’ll stop the rain”.

Il suo talento è esploso nel corso di questi anni ma John Legend vuole arrivare agli allori e per questo ha realizzando un disco unico che resterà nella storia della musica. Il trionfo della sonorità  e della simpatia e del dilalogo musicale con il pubblico e con  Daniela, scelta a caso tra le ragazze schierate sotto il palco.

La sua prossima tappa è proprio oggi concerto a  Milano all’ Ippodromo del Galoppo, sarà un ospite a  City Sound Festival

[wzslider autoplay=”true” info=”true” lightbox=”true”]
Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*