Umbria Jazz 15, spazio alla musica brasiliana con Caetano Veloso e Gilberto Gil

Luana Pioppi

di Luana Pioppi
Venerdì 17 luglio alle ore 21 saliranno sul palco dell’Arena Santa Giuliana Caetano Veloso e Gilberto Gil, due maestri della musica brasiliana. Tornano entrambi a Perugia dopo l’esibizione del 1994, che festeggiava il venticinquesimo anniversario del Tropicalismo, che contribuirono a fondare nel 1968 e che ha influenzato in modo decisivo lo sviluppo della musica e della cultura brasiliana.

Quello di questa sera, quindi, si preannuncia essere un concerto interessante e molto orecchiabile. E lo è ancora di più la storia di questi due artisti internazionali. Veloso e Gil, entrambi nati nel 1942, inventarono a Bahia una nuova musica, in un paese sottoposto a una dura dittatura militare, che guardava al rock ma che al tempo stesso cercava di recuperare le radici popolari e soprattutto l’immenso patrimonio ritmico africano. Tutto questo non fu gradito al regime, tanto da costringerli all’esilio fino agli inizi degli anni settanta. Da allora la loro musica è stata l’ideale colonna sonora di una terra che oggi corre velocemente verso il futuro in un equilibrio precario tra progresso sfrenato e sottosviluppo latente. Di questo mondo Veloso è la coscienza critica, l’autore che più di ogni altro ha contribuito a stravolgere il senso stesso della forma canzone, Gil l’anima creativa, capace di concentrare in uno stile unico e riconoscibile il rock, il samba, il funk, il reggae e perfino la bossa nova, con la magia della sua voce a fare da amalgama.
Forse più di altri colleghi, Gil ha manifestato anche una visione “politica” del patrimonio culturale del Brasile. E’ stato nominato ambasciatore della Fao, ha partecipato a iniziative contro la fame nel mondo, e il suo impegno civile lo ha portato infine a diventare ministro della cultura.

La serata proseguirà con la Spokfrevo Orquestra. Il sassofonista Inaldo Cavalcante de Albuquerque, in arte Spok dirige la Spok Frevo Orquestra, ensemble di 17 musicisti che propone una musica, il Frevo, nata nel Pernambuco, nord-est del Brasile. come ideale colonna sonora del carnevale locale, che l’Orquestra rivisita con arrangiamenti moderni e armonie raffinate creando un travolgente mix di jazz e world music. L’impatto sonoro del gruppo è impetuoso e trascinante, grazie all’incessante ritmica e all’intreccio timbrico che rendono unica l’esperienza musicale dell’ascoltatore.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*