Umbria Jazz 15, i Subsonica fanno ballare Perugia

Hanno dato vita ad oltre due ore di energia pura

Subsonica

di Luana Pioppi
Oltre due ore di energia pura. I Subsonica, ieri sul palco dell’Arena del Santa Giuliana di Perugia, hanno contagiato il pubblico di Umbria Jazz che ha saltato e cantato fino alla fine. Samuel Umberto Romano, il frontman della pop-rock band di cui è anche compositore e autore dei testi, ha coinvolto tutti i presenti con la sua energia inesauribile. Ventitre brani eseguiti alcuni dei quali tratti dal loro nuovo album “Una nave in una foresta”, da cui prende il nome anche il tour nazionale, ed altri storici come “Nuvole rapide”, “Nuova ossessione” e “Di domenica”.

La seconda parte del concerto si è aperta con una sorpresa. La band torinese aveva preparato, per l’occasione e su richiesta degli organizzatori del Festival, un evento speciale. Con i cinque di Subsonica sono saliti sul palco tre uomini di spicco del jazz italiano, il trombettista Flavio Boltro, il sassofonista Emanuele Cisi ed il trombonista Mauro Ottolini, che ha anche curato gli arrangiamenti. Insieme hanno dato vita a circa 20 minuti di musica pop-rock-jazz. Hanno eseguito tre canzoni, meno recenti e comunque quelle che forse si prestavano di più ad una inclusione jazz, come “Funkstar”, “Jungla Nord” e “Disco labirinto”. Sono state rivisitate con l’aggiunta della sezione di fiati ed ampi interventi solistici. Una sorpresa molto apprezzata dal pubblico che non ha mai smesso di rispondere alle incitazioni di Romano. Chiusura in grande stile con una delle canzoni più apprezzate della band di Torino. “Tutti i miei sbagli”, infatti, ha decretato la fine del concerto. Il brano è stato eseguito in una versione più melodica, diversa da quella più ritmata dell’originale.

Il concerto dei Subsonica si è aperto con i “Barber Mouse”, un trio jazz contemporaneo di piano-contrabbasso-batteria, che ha registrato un cd di rivisitazioni di brani del loro repertorio. Samuel Umberto Romano è salito da subito per accompagnarli in qualche canzone eseguendo anche un altro dei loro successi storici come “Incantevole”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*