Umbria Jazz 15, grande successo del duo Tony Bennett e Lady Gaga

Luana Pioppi

di Luana Pioppi
Serata a ritmo di swing e jazz con Tony Bennett e Lady Gaga che hanno registrato il tutto esaurito all’arena Santa Giuliana di Perugia nell’unica data italiana del loro tour promozionale dell’album intitolato “Cheek to Cheek”. I due artisti internazionali hanno coinvolto subito il pubblico presente eseguendo “Anything Goes”, cover di un brano di Cole Porter. Con ritmo incalzante è seguita “Cheek to Cheek” di Irving Berlin. Grandissima la voce di Lady Gaga, calda e vibrante ma allo stesso tempo forte e decisa. Lady Germanotta ha dimostrato che non è solo la regina del pop ma che sa ben interpretare tutti i generi musicali, come appunto quelli proposti in questo lavoro.

Spazio poi al grande crooner americano che ha cantato a braccio “O sole mio”, probabilmente un fuori programma in quanto Bennett ha eseguito il brano citando solo le frasi principali. E poi ancora un omaggio a George Gershwin con “They All Laughed” ed allo stesso Bennett con “Sing You Sinners”.

Ancora Lady Gaga è stata la protagonista salendo sul palco dopo il terzo cambio di vestito in pochi minuti. Dopo due tenute sexy si è fatta vedere dal pubblico, che non ha mai smesso di applaudirla ed incitarla, in abiti maschili e ha eseguito “Bang Bang” (My Baby Shot Me Down) nella versione proposta da Cher. Spazio anche a Tony Bennett che, con la sua eleganza e grande stile, ha cantato vari brani tra cui “Smile” di Charlie Chaplin, “When You’re Smiling” di Louis Armstrong e la sua “Steppin’ Out With My Baby”.

Altri pezzi ed ennesimo cambio di abito per la reginetta del pop – ne ha fatti otto in tutto – che è uscita sul palco con un vestito rosa stile Marilyn Monroe (anche la piega dei capelli era simile) e ha eseguito “La vie en rose” di Édith Piaf. Un’interpretazione che le ha fruttato un lungo applauso del pubblico che si è alzato anche in piedi. E poi ancora in duetto con Tony Bennett per dare vita ad altre canzoni, per concludere con “It Don’t Mean a Thing” (If It Ain’t Got That Swing) di Duke Ellington. Abbraccio finale e sorrisi al pubblico hanno decretato la fine del concerto durato oltre un’ora e mezza. Circa 30 sono stati i brani eseguiti.

Tra il pubblico molti fan di Lady Gaga abbigliati nelle maniere più stravaganti: dagli abiti da sera in grande stile, ai look multicolore, ai cappellini stile inglese. Di certo tutti sapevano come sarebbe stato il concerto visto che il tour promozionale è quasi giunto al termine. Per Umbria Jazz questo è stato lo spettacolo di punta di questa edizione visto che l’unico che i due artisti faranno in Italia. Bennett e Lady Gaga è stato un concerto apprezzato dai più.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*