Scomparsa George Michael, omaggio del pianista Mastrini con un versione di Last Christmas VIDEO

Un’esecuzione dove il maestro Mastrini ha riletto il grande successo degli Wham! in versione inedita, un po’ nello stile di Schumann

Scomparsa George Michael, omaggio del pianista Mastrini con un versione di Last Christmas E’ scomparso proprio il giorno di Natale George Michael, artista di fama internazionale e autore di una delle più note canzoni natalizie dei nostri tempi. Il pianista “al contrario” Maurizio Mastrini ha voluto omaggiare la vita e la musica di questo grande artista con una versione di “Last Christmas” con pianoforte e sonorità elettroniche. Un’esecuzione dove il maestro Mastrini ha riletto il grande successo degli Wham! in versione inedita, un po’ nello stile di Schumann.

Il brano è stato realizzato dal maestro Mastrini in occasione delle tappe natalizie del suo “Baratto Tour”, il tour solidale dove non si paga il biglietto, ma si “baratta” la musica con viveri da donare a chi ne ha bisogno. Ad oggi sono stati raccolti oltre 81 quintali di prodotti in giro per l’Italia che sono stati devoluti ad associazioni quali il Comitato per la Vita “Daniele Chianelli”, la Croce Rossa Italiana, la Comunità di Sant’Egidio, le Caritas etc..

Il legame con George Michael non è nuovo per il pianista. Già nel 2015 Mastrini aveva composto il brano “Caro George”. Prendendo in prestito poche note tratte dal tema di un brano di George Michael, “Careless Whisper”, Mastrini ha creato un suo piccolo inno contro la disparità, l’omofobia. Anni fa, infatti, fu colpito tantissimo dall’amore di un papà di un ragazzo gay deriso dai compagni, la tenerezza che questa persona donava al proprio figlio, il suo affetto paterno come uno scudo protettivo invalicabile. 

Pianista, compositore e direttore, Mastrini è celebre in tutto il mondo per l’esecuzione della musica al contrario, che ha permesso al pubblico di riscoprire partiture classiche in maniera affascinante e inedita: rilette al rovescio, dall’ultima nota sino alla prima, rivelando così una straordinaria versatilità della musica e quanto un brano possa farsi ancora scoprire nuovo.

]
Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*