Jovannotti in bicicletta da Cortona a Città di Castello

POSTA FOTO E COMMENTO SU INSTAGRAM IL SINDACO BACCHETTA LO INVITA AL CICLODROMO

Jovannotti in bicicletta da Cortona a Città di Castello

Jovannotti in bicicletta da Cortona a Città di Castello  Jovanotti, da Cortona a Città di Castello in sella alla sua mitica “Pinarello”, co-me è accaduto tante volte in questi ultimi anni a trovare lo “zio” Nelso e condivi-dere assieme a lui ed altri appassionati delle due ruote il piacere di una pas-seggiata fra i boschi e le colline che circondano il comprensorio altotiberino. Sul suo profilo Instagram, il popolare mattatore di concenti e dei palcoscenici in ogni angolo del pianeta, posta la foto con la bici in divisa d’ordinanza, casco compreso accanto all’amato parente e scrive una frase che raccoglie in pochi giorni oltre 8.300 “mi piace”: “il mio leggendario zio Nelso di Città di Castello, 82 anni sui pedali”, seguita da commenti e condivisioni in quantità industriale. Non è la prima volta che Jovanotti, nei rari momenti di libertà dai numerosi impegni professionali, sale in sella alla bici e raggiunge assieme a qualche amico Città di Castello, direttamente nel quartiere la La Tina dove abita, Nelso Baldelli, 82 anni ben portati, cugino del cantautore (la nonna materna era sua zia), vecchia gloria del ciclismo tifernate, campione dei pedali negli anni 50-60 delle classiche di maggiore richiamo e fondatore dell’associazione ciclistica “Bici&Amici” con cui Jovanotti ha condiviso diverse “spedizioni” non solo in Umbria e in altotevere.

“Mi ha fatto una sorpresa come spesso piacevolmente accade. Qualche giorno fa Lorenzo è venuto a Città di Castello e non trovandomi a casa mi ha inviato una foto dal suo telefonino e due giorni fa invece è tornato per trascorrere assieme a me ed altri amici il piacere di una passeggiata – ha precisato con un pizzico di orgoglio e commozione Nelso Baldelli, che Jovanotti ama chiamare zio.

“In tanti poi mi hanno telefonato e fermato per strada per avvertirmi che c’era una foto con lui su internet seguita da tante persone che la condividevano. Lorenzo è un ragazzo eccezionale, una persona stupenda, sempre sorridente e positivo, un vero esempio in particolare per i giovani oltre che essere e non sta certamente a me dirlo un professionista unico di fama internazionale che l’Italia può vantare. Inoltre – ha concluso Baldelli – ha una grande passione per il ciclismo e la pratica di questo sport che mi accomuna da sempre a lui. Nel prossimo futuro chissà proprio a Città di Castello potremmo organizzare un momento di promozione e sensibilizzazione verso questo sport, magari con i giovani e i ragazzini che lo vogliono praticare, al ciclodromo, assieme a lui”.

“Un onore poter avere Jovanotti ancora nella nostra città – ha precisato il sindaco di Città di Castello, Luciano Bacchetta – una città che può vantare tradizione e tanti appassionati di ciclismo a vari livelli. Nella palestra di tanti giovani, al ciclodromo, insieme allo “zio” Nelson, che per tanti anni ha difeso con risultati di prestigio i colori della nostra città a suon di risultati in sella alla sua bici, sarebbe davvero una occasione straordinaria per diffondere i valori positivi dello sport e non solo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*