Jazz & Contorni a Orvieto al ristorante San Francesco, grande successo

Un servizio impeccabile garantito da tutto lo staff di professionisti della ristorazione

Jazz & Contorni a Orvieto al ristorante San Francesco , grande successo

Jazz & Contorni a Orvieto al ristorante San Francesco, grande successo

Grande successo di  Nello storico locale per la musica Jazz di Orvieto, il ristorante al San Francesco, si è concluso con un grande successo di pubblico il festival “Jazz & Contorni”. Cinque giorni in cui si sono visti alternare sul palco importanti artisti del panorama jazzistico italiano, da Ada Montellanico con il suo “Omaggio a Billie Holiday” al maestro delle chitarre Michele Ascolese con il suo Iguazù Project e gli orvietani Bartender Trio.

Il nuovo anno si è aperto con Mario Donatone un vero maestro del pianoforte e di simpatia. La splendida voce di Greta Panettieri e Max Ionata Hammond Trio hanno chiuso gli ultimi due giorni del festival insieme ai Bartender.

Grande successo anche per la serata dell’ultimo dell’anno alla Penisola Country Resort dove, per Jazz & Contorni si sono esibiti “Mamma li Turchi” e “Little swing trio”. Jazz & Contorni, però non è solo musica, è anche e soprattutto buon cibo e la presenza di due grandi Chef come Francesco Abbatepaolo e Marco Bistarelli hanno garantito un elevato standard di qualità nelle pietanze servite. In particolare nelle due cene, quella di fine anno e di chiusura dove sono stati serviti piatti unici, come il il tortino di ricotta e tartufo, salsa al parmigiano e vellutata di ceci, le lasagnette con ragù alla pescatora, gli umbrichelli al ragù di coda alla vaccinara o il tracio di ombrina arrostita con salsa di topinambur e verdure croccanti.

Jazz

Un servizio impeccabile garantito da tutto il nostro staff di professionisti della ristorazione, a cui va il nostro più sentito ringraziamento per la riuscita dell’evento. Clienti soddisfatti in tutti gli aspetti del festival, da quello del gusto a quello musicale. Cinque giorni di grande musica live e ottimo cibo al ristorante al San Francesco, che da alcuni è stata definita magari esagerando “l’atra Winter”, riferendosi all’altro festival Jazz internazionale che proprio in quei giorni si svolgeva sempre ad Orvieto. Un ringraziamento a tutti gli artisti e i tecnici che hanno collaborato con il Gruppo Cramst per la riuscita dell’evento, gli sponsor che hanno creduto nel progetto, Alleanza Assicurazioni, Tipografia Ceccarelli, Vini Bigi, Tre Valli, Scianca, Vola Service.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*